banner header
Log in

50 sfumature di Vangelo - 3 settimana

I vangeli contengono una quantità di particolari che spesso sfuggono a una lettura superficiale. Piccole sfumature magari, ma utili per comprenderlo e apprezzarlo in pienezza. Ho deciso di dedicare cinque articoli ai vangeli delle cinque domeniche di quaresima, svelando per ciascuno dieci sfumature, a partire dalle parole che tornano più spesso nel testo.

La terza domenica di quaresima ci presenta la cacciata dei mercanti dal tempio.

  1. Gesù. Ci stupisce, questo Gesù. Un Gesù lontano dall’immagine che ci siamo creati, il Gesù da santino, quello dei buoni sentimenti. Qui lo vediamo reagire duramente. Troppo grande la posta in gioco: l’idea stessa di Dio! Dio è amore, e l’amore  non si compra e non si vende!
  2. Tempio.  Luogo per eccellenza della presenza di Dio in mezzo al suo popolo, diventa immagine dello sfruttamento del popolo in nome di Dio, dello sfruttamento del nome di Dio da parte dei potenti per i propri interessi. E infatti Gesù dirà alla donna samaritana che non ci sarà più bisogno del tempio, perché Dio stesso si farà adorare “in Spirito e verità”, cioè con amore e per amore.
  3. Giudei. Il termine, nel vangelo di Giovanni, non indica il popolo, ma i capi del popolo, quindi i sommi sacerdoti, coloro che detenevano il potere e si facevano forti di questo potere per sottomettere il popolo. Gesù ha parole molto dure per costoro. Il potere va gestito con giustizia e per il bene!
  4. Gerusalemme. Per Gesù non è facile salire a Gerusalemme. È la città legata al compimento della sua missione. Lì tutto si compirà, lì saranno svelate le intenzioni di molti cuori, lì sarà fatta verità e si vedrà chi rimarrà fedele e chi cadrà, anche tra i suoi discepoli. Ma lì egli sente che deve andare. Non si tira indietro, Gesù!
  5. Cambiamonete. Nel tempio non può entrare nessuna moneta con l’effige umana e la moneta dell’imperatore raffigurava Tiberio (oltretutto l’imperatore romano era adorato come dio!): entrare con le monete pagane nel tempio è sacrilegio. E allora che si far pur di guadagnare? Si mette un cambiamonete…
  6. Colombe. Era l’animale che i poveri potevano permettersi, e non è un caso che le parole più dure Gesù le riservi ai venditori di colombe.
  7. Pecore. Le pecore sono l’immagine del popolo e Gesù le libera per prime, insieme ai buoi. Gesù è il pastore che viene a liberare il suo popolo, il suo gregge, che era in mano a mercenari senza scrupoli. Già nel Libro di Ezechiele, al cap. 34, il Signore rimproverava i pastori del popolo, perché, anziché prendersi cura del gregge, pensavano soltanto a loro stessi!
  8. Frusta. Si usava raffigurare il messia con una frusta in mano pronto a fustigare i peccatori. Ecco il rovesciamento: Gesù, venuto per i peccatori, gli esclusi dal tempio, con quella frusta caccia coloro che del tempio avevano preso possesso.
  9. Discepoli. Questi discepoli… vivono per circa tre anni accanto a Gesù, accompagnandolo, ascoltandolo, vedendolo operare, condividendone la missione eppure non lo capiscono, arrivando a equivocare i suoi comportamenti! Un po’ il rischio che corriamo noi, che seguiamo Gesù da anni eppure… ancora fatichiamo a capirlo.
  10. Segno. È una costante nei vangeli, questa del ”segno”: a Gesù sono richiesti continuamente segni per credere. Gesù rifiuta questa logica. Quante volte anche noi chiediamo segni a Dio per credere! Credi! E diventa tu stesso segno davanti agli altri dell’amore di Dio che cambia il cuore.

Buon cammino di quaresima!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilGiovedì, 19 Marzo 2015 09:39
Irene Tonolo

Sono insegnante di Religione nella scuola superiore, con una lunga esperienza nell'animazione dei giovani e giovanissimi, esperienza che ho tralasciato per dedicarmi alla famiglia (sono moglie e madre), ma che mi ha segnato profondamente e mi guida ancora oggi nel mio lavoro.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?