banner header
Log in

La tomba dell'Amore

La libertà degli amanti

(Matteo 8,20)

Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell'uomo non ha dove posare il capo.

 

Analizziamo un errore in cui molti cadono nelle loro relazioni con il prossimo: essi cercano di crearsi un punto fermo nella fluttuante corrente della vita.
Pensa alla persona di cui desideri conquistare l'amore. Vuoi diventare importante per questa persona? Vuoi essere unico per essa, vuoi operare una trasformazione nella sua esistenza? Vuoi che questa persona si interessi a te ed entri con te in una relazione unica? Allora, apri bene gli occhi:
tu stai stoltamente invitando quest'altra persona ad accettare te in maniera esclusiva, la inviti a limitare la tua libertà a suo piacere, a controllare il tuo comportamento, i tuoi itinerari, il tuo sviluppo, a esclusivo beneficio dei suoi interessi. È come se l'altra persona ti dicesse: "Se tu vuoi essere unico per me, devi stare alle mie condizioni, perché nel momento in cui cesserai di soddisfare le mie aspettative tu cesserai di essere unico per me". Tu volevi essere unico per quella persona, non è vero? E allora devi pagare un prezzo in perdita di libertà: devi ballare al ritmo imposto dall'altra persona, così come tu pretendi che gli altri ballino al tuo ritmo, se vogliono essere unici per te.
Soffermati ora a domandarti se sia il caso di pagare per così poco un, prezzo così alto. Immagina di dire a questa persona, da cui vuoi un amore unico: "Lasciami libero di essere me stesso, di pensare con la mia testa, di seguire i miei gusti e le mie inclinazioni, di agire nel modo che più mi aggrada". Chiedendo queste cose, tu chiedi l'impossibile. Chiedere di essere unico per una persona significa essenzialmente impegnarti a rendere te stesso piacevole a quella persona; e a questo punto tu perdi la tua libertà.
Mettici tutto il tempo che vorrai, ma cerca di rendertene conto.
Può darsi allora che tu decida: "Preferisco la mia libertà al tuo amore". Se tu avessi da scegliere tra l'aver compagnia ma in carcere e il camminare libero ma senza compagnia, che cosa sceglieresti? Ora di' a quella persona: "Io ti lascio libero/a di essere te stesso/a, di pensare con la tua testa, di seguire i tuoi gusti e le tue inclinazioni, di comportarti nella maniera che più ti aggrada".
Appena pronunciate queste parole, si verificherà una di queste due reazioni: o il tuo cuore disconoscerà queste parole, e allora ti rivelerai per quello che sei, cioè uno che si aggrappa e che sfrutta (e allora analizza accuratamente la tua falsa certezza di non poter vivere né essere felice senza quella persona); oppure il tuo cuore pronuncerà queste parole sinceramente, e allora in quel preciso istante cadrà ogni controllo, ogni imbroglio, ogni sfruttamento, ogni possessività e gelosia: "Ti lascio libero (o libera) di essere te stesso: di pensare con la tua testa, di seguire i tuoi gusti e le tue inclinazioni, di comportarti nella maniera che più ti aggrada".
E noterai un'altra cosa: quella persona cesserà immediatamente di essere unica e importante per te. Diventerà importante nella stessa maniera in cui è godibile un tramonto o una sinfonia, nella stessa maniera in cui un albero è unico in se stesso, indipendentemente dai frutti e dall'ombra che ti può dare. Il tuo amato, allora, apparterrà non a te ma a tutti, o a nessuno: così come un tramonto o un albero. Sperimentalo ripetendoti queste parole: "Ti lascio libero di essere te stesso...". Dicendo queste parole hai reso libero te stesso: ora sei pronto per l'Amore. Perché quando tu ti aggrappi all'essere amato, quello che tu offri non è amore ma una catena che legherà sia te sia l'altro. L'amore può esistere soltanto nella libertà.
Il vero amante cerca il bene dell'amato, il che richiede come elemento principale la liberazione dell'amato dall'amante.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

  • Citazione: Amore
Giovanni Isidori

Studente di Sacra Teologia all'Istituto Teologico di Assisi.

Ausiliario alla Sicurezza presso la Basilica di San Pietro in Vaticano.

Cantore nel coro-guida "Mater Ecclesiae", coro gregoriano di risposta nelle celebrazioni presiedute dal Sommo Pontefice.

Sito web: https://www.facebook.com/giovanni.isidori



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?