banner header
Log in

Annunciando in cammino

E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone.

(Marco 6, 7-13)

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Il Signore, così come ha fatto con i Dodici, sembra inviare anche noi nel mondo senza scorte, né di cibo, né di contenitori per raccogliere ciò che troveremo, né di denaro per acquistare qualcosa di nuovo… sembra che questa richiesta abbia profondamente a che fare con i nostri bisogni, piuttosto che con i nostri desideri più profondi. Invece ci è concesso di coltivare il desiderio, nel viaggio che facciano a nome Suo, mentre siamo inviati con un grande “potere sugli spiriti impuri”. Infatti possiamo andare solo dopo essere stati con il Signore, e siamo inviati a due a due: ci viene lasciata qui la dolcezza della compagnia di Dio e del fratello, non la compensazione della casa che andremo a visitare. Perché qualora non saremo ricevuti, cioè non saremo soddisfatti nel nostro profondo grido di bisogno che vorrebbe accoglienza e calore,sarà solo il desiderio della compagnia dell’altro compagno che potrà sorreggerci e il sapere che stiamo continuando il viaggio che ci mostra Gesù stesso…

Torna forse qui una breve e struggente poesia di David Maria Turoldo, dal titolo eloquente: “Esilio”

“E tutti e sempre
in folla a cercare
riviere ospitali,
a fuggire la nostra presenza."
David Maria Turoldo - "O SENSI MIEI…" POESIE 1948-1988

Siamo tutti accomunati dal bisogno di trovare “riviere ospitali”, e questo lo facciamo “in folla”, come a dire che il bisogno di conforto, accoglienza, compagnia e comprensione è proprio insito in ogni uomo… Ma paradossalmente più ci affanniamo a ricercare questi doni, più non li troveremo, addirittura arrivando a fuggire la nostra stessa presenza, come afferma il poeta con un’intuizione profondissima.

Il Signore non ci chiede di rinunciare a queste profonde istanze presenti nel nostro cuore, ci chiede solo di non farcene schiavi, cioè di non incaponirci a rimanere in case che non ci accolgono, a non percorrere il viaggio carichi di sicurezze personali per realizzare meglio compensazioni autocentrate… E’ Lui a darci la compagnia di Se Stesso e dei fratelli, con cui di volta in volta percorreremo il viaggio: questo colmerà pienamente il nostro cuore, se riusciremo a fidarci del Suo invio nel mondo secondo quelle modalità descritte dalla pagina di oggi.

Risultato di questo diverso peregrinare? Collaborare con Lui nel guarire il cuore di tanti, nello scacciare il male, nel lenire con olio di misericordia…

Questo è il mondo di non vivere più un esilio da se stessi!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilGiovedì, 05 Febbraio 2015 11:41
  • Citazione: Mc 6, 7-13
Chiara Gatti

Responsabile del Progetto TAU APP, l’App Francescana del Vangelo.

Come socia della Cooperativa Sociale Francescana Fratelli è Possibile, si occupa di coordinare la redazione della rivista trimestrale Momenti Francescani (Vangelo, Fonti Francescane e attualizzazioni per ogni giorno) e fa parte del Coordinamento della Redazione di Tau App, l’App Francescana del Vangelo per smartphone e tablet, per “toccare la Parola” (Vangelo quotidiano, attualizzazione, link a video, canzoni, prosa, poesia, fotografie e opere d’arte, articoli di riviste in assonanza con la Parola ...).

Svolge inoltre attività di formazione come mediatrice sociale in percorsi formativi rivolti al mondo della scuola, del lavoro e dell’associazionismo in genere. Ha collaborato per anni alla realizzazione del Festival Francescano, in particolare nel settore dei progetti didattici e dell’accoglienza e ospitalità.

E’ sposata, ha due figli e da anni vive la sua vocazione francescana come professa solenne nella Fraternità di Cesena - Ordine Francescano Secolare, occupandosi di formazione a livello locale e regionale.

I testi proposti su Buona Novella da Chiara sono frutto di una amicizia tra Buona Novella e la Redazione di TAU APP.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?