banner header
Log in

Chiesa e giovani - 29

Come vorresti la Chiesa? Come la sogneresti?"

33) Deve essere intesa non più come un luogo dove la gente va per pregare… Deve essere secondaria questa cosa… La chiesa deve essere intesa come qualcosa di più ampio… Un luogo dove ogni persona possa pensare, riflettere, espiare… Deve essere intesa come quel tuo migliore amico che ti ascolta… e che come aiuto può offrirti la Parola di Dio, il conforto della sua parola. Che tutt’oggi suona modernissima.
Sogno che tutti possano entrare come me con tante domande, scuse da rivolgere, aiuto per capire certe situazioni… e uscire liberi. Con la certezza che qualcosa di più grande ci sorreggerà aiutandoci quando servirà per tutta la vita se avremo fede in lui.

Pensare una chiesa non come luogo di preghiera in primis, ma come posto di “ristoro”. Meglio, luogo e occasione per perdere il peso di situazioni che possono affaticare il cammino.

Bellissima questa immagine e attraente tale prospettiva.

Essere consapevoli di poter affidarsi ad un luogo, ad una realtà nella quale Gesù stesso abita, e lo puoi sempre trovare e visitare. Un’occasione per presentare dubbi, domande, scuse… ed uscire più leggeri, più sereni. Ci credessimo sul serio, chissà quanti miracoli riusciremmo a fare noi, tra di noi!

La pesantezza della nostra quotidianità troppo spesso ci fa perdere occasioni importanti per lasciare giù qualche peso, qualche fardello, impedendoci di avere qualche spazio di pace e tranquillità. Rendersi conto, invece, della possibilità di poter “disfarsi” di certi groppi, di situazioni non sorreggibili da soli… quanto bene fa! Che motivazioni per andare avanti ci offre!

Chiesa come luogo in cui “scaricare” il di più che ci si porta appresso, per ripartire con l’essenziale necessario per camminare nelle strade della fede e dell’umanità. Chi ci sta? È forte come idea, no?

Rischiamo di concepire il luogo “per eccellenza” dove ricaricarsi, come luogo inutile, vuoto, freddo… Diventa – se ci pensiamo sul serio – realtà fondamentale, indispensabile dove “porre le fondamenta” per la propria esistenza, dal momento che si è a casa di un Ospitante eccezionale, Dio stesso.

Ci sono persone che ogni giorno “sostano” in questo luogo magari velocemente; ce ne sono altre che… girano al largo, quasi all’opposto.

Potrebbe sorprenderci avere il coraggio di dedicare anche durante la settimana qualche attimo per fermarci, ed entrare nella profondità del nostro animo. Occasione grande per… “far quattro chiacchiere con Dio”, a tu per tu…

In fondo cosa costa? Basta provarci…!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilSabato, 06 Settembre 2014 12:45
Don Federico Fabris

Sacerdote dal 2007, insegnante di religione nelle scuole medie di Padova.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?