banner header
Log in

Come un delfino

Seguirò le onde della vita, sentirò il richiamo della marea e poi…una storia scriverò per lasciare una finestra aperta al mondo e non mi lascerò ingannare dalla rete che a volte mi bloccherà il salto verso l’Alto.

Salirò verso l’abisso nelle acque di questa scelta ormai fiera, salirò nella fiaba di chi mi ha abbracciato nel vento, salirò nella povertà scoprendomi già povera, povera.

Vivrò nella profondità, vivrò lì e ogni tanto guarderò i sospiri del mio cuore che vorrà trovare un’alchimia tra una gioia e il suo attenderla, vivrò bene anche quando pioverà perché tutto mi scivolerà.

Come un delfino, un delfino curioso mi metterò a cercare tesori e chissà quanto tempo ci metterò per trovare il mio, il mio…

Quanto, quanto?

Andrò a rifugiarmi nelle rocce, mi lascerò accarezzare dalle pinne dei pesci che veloci attraverseranno il mio percorso e aprirò gli occhi, quando un bambino fischierà la mia fede.

Mi metterò come adesso a galla, per udire questa umanità e poserò un pensiero al Padre per tutti quelli che anche adesso, non sanno riconoscere nel cuore l’Amore.

Ecco il sole, mi hanno detto i miei amici, così sono andata verso quella luce senza paura, senza temere che possa cambiare il mio modo di vivere stravolgendolo, perché solo adesso da delfino, io riesco a capire il mio navigare.

Ho letto il cartello dove sarebbe stato attaccato un allarme verso la libertà, ho letto e ho detto basta, voglio proseguire perché le parole che lascio adesso, in questa cara mattina, sono un sussulto nell’anima, solo questo.

E dico, dico che nuoto, nuoto e sono premiata dalla culla del cielo, nuoto e non mi faccio guarire dalla sofferenza del passato, perché ormai ho cucito i miei tagli, i miei sbagli, le mie severità contro me stessa.

Mi hanno accolta con il sorriso le mie sere, dove alcuni facevano soltanto una gita intorno alle isole, mi hanno incontrata e mi hanno lasciata uscire al largo  facendomi saltare e così…

Sono nate le mie lacrime da dedicare alla pazienza e questa volta ho fatto un salto che anche da lontano, hanno visto e fermato in una fotografia per ricordarlo.

Come un delfino… stupirò il mondo e racconterò la mia storia, la mia storia con un salto verso una meravigliosa atmosfera, che si è sempre creata aprendomi, aprendomi al mio Dio.

Grazie…a chi un giorno mi ha fatto trovare il mio mare!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilGiovedì, 26 Giugno 2014 13:11
Valentina Guiducci

Riguardo alla mia amata scrittura, fin da bambina mi accompagna il desiderio di poter dare attraverso delle parole una cara speranza.
Ho scritto tanti libri, pubblicati cinque, l'ultimo s'intitola: "Le Carezze dell'Amore" Zona Editore. Scrivo riflessioni anche su "Testata d'Angolo", un web giornale. Ho piacere di poter dare la gioia che sento nel cuore attraverso delle righe.

Altro in questa categoria: « Portami con te Non mollare »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?