banner header
Log in

Cristologia dei Testimoni di Geova - 1

I TESTIMONI DI GEOVA

Chi sono?

«La svolta della storia» scrive Feuerbach, «sarà  il momento in cui l'uomo prenderà coscienza che il solo dio dell'uomo èl'uomo stesso»[1]. Così la modernità se da un lato ha contribuito al progresso scientifico, culturale, economico e politico, dall’altro è stata il tentativo di liberare l’uomo da Dio, ritenuto il grande nemico e oppressore dell’uomo. Il risultato non è stato quello sperato, anzi, se il Novecento è stato il secolo delle grandi scoperte, allo stesso tempo è stato il secolo dei grandi massacri, il più tragico della storia. Si sperava nella nascita di un uomo nuovo, con nuovi valori, ma in realtà si è assistito ad una progressiva disumanizzazione dell’uomo e la perdita di tutti i valori, fino a rendere l’uomo stesso orfano di senso, costretto a camminare senza una meta, senza una direzione.

Questo vuoto ha reso l’uomo sempre più inquieto, ma, paradossalmente, ha creato una specie di nostalgia di spiritualità: l’uomo, che doveva prendere il posto di Dio, si scopre essere un dio mancato e sempre più desideroso di esperienze e pratiche religiose[2]. Così, mentre la Chiesa si preoccupava di capire come annunciare il Vangelo in un mondo trasformato, sono nati nuovi gruppi, nuovi movimenti religiosi che offrivano, e offrono, risposte e soluzioni, esperienze spirituali alternative rispetto a quella “tradizionale”. Tra questi troviamo i Testimoni di Geova (da ora 'TdG'), che tra tutti è certamente quello di maggior successo.

watchtower111

Ma chi sono i TdG? In cosa credono? Oggi, per la loro insistente predicazione, tutti hanno fatto la loro conoscenza, tuttavia sono pochi quelli che conoscono la loro realtà, la loro dottrina. Molta gente ne apprezza lo zelo, la convinzione del loro parlare, ma pochi sanno che la loro dottrina è totalmente diversa rispetto a tutte le confessioni cristiane, non solo quella cattolica, tanto da non poterli considerare cristiani. La distanza dalla fede cristiana parte dal suo centro, Gesù Cristo, a cui i TdG negano la divinità. Perché arrivano a questa conclusione? Ecco, lo scopo di quello che diremo è di analizzare la dottrina geovista, specialmente la loro “cristologia”, per mettere in evidenza in modo chiaro le loro infondatezze. Da dove cominciare? Sarebbe interessante conoscere la storia dei TdG, i loro cambiamenti e le “profezie” sulla fine del mondo, ma a noi urge sapere innanzitutto cosa sono i TdG.

Anche se non sono dello stesso parere, poiché genera diffidenza nelle persone, i TdG hanno tutte le caratteristiche di una vera e propria setta, specificamente di tipo rivoluzionaria, in quanto ritiene che il mondo sarà radicalmente, e presto, trasformato da un intervento diretto di Dio. Ma quali sono gli elementi e/o atteggiamenti che fanno dei TdG una setta? Non è semplicemente il distaccarsi da un gruppo precedente o il credere in cose diverse considerate non ortodosse (ogni gruppo considera se stesso ortodosso) che ci consente di definire un gruppo una setta; secondo i sociologi la setta si caratterizza per un ideale di purezza contraddistinto dallo sforzo di ogni membro di santificarsi e dalla sorveglianza costante di sé e degli altri membri (se si persevera nel peccato anche dopo l’avvertimento si viene esclusi); la setta non dà importanza alla teologia, ma gli bastano alcuni informazioni di base ed è un movimento di protesta, ed è ostile alle Chiese costituite, ai governi e alla società, tutte cose considerate sotto il dominio del diavolo. Per questo rifiutano il contatto con il mondo, ripiegandosi su se stessi e vivendo nella psicosi della persecuzione. I TdG sono, quindi, una setta. Qui non si vuole fare polemica o condannare qualcuno, ma solo fare chiarezza; in fondo gli stessi TdG scrivono: «Dire e dimostrare che un’altra religione è falsa non è una forma di persecuzione religiosa per nessuno. Non è persecuzione religiosa il fatto che una persona informata smascheri pubblicamente una certa religione indicando che è falsa, permettendo così di vedere la differenza tra la religione falsa e la religione vera. (…)Smascherare pubblicamente la falsa religione (...) è un servizio di pubblica utilità, anziché persecuzione religiosa, ed è in relazione con la vita eterna e la felicità delle persone»[3]. È per questa passione per la verità che cominciamo il nostro viaggio.

 


[1] FEUERBACH L., L’essenza del cristianesimo.

[2] Cfr. SEGRETARIATO DELLA CEI PER L’ECUMENISMO E IL DIALOGO, L’impegno pastorale della Chiesa di fronte ai nuovi movimenti religiosi e alle sette.

[3] Torre di Guardia del 15/6/1964

 

Per approfondimenti:

GIACOMO ESPOSITO, "In guardia dalla torre", Benevento, Passione Educativa, 2013
Acquistalo su iBS

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Giacomo Esposito

Vivo a Casalnuovo di Napoli, ho 28 anni e sono felicemente marito e papà. Ho conseguito gli studi presso l'ISSR di Napoli (alla Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale).Oggi gestisco un caffè-letterario (DiaLogos), creato per essere un luogo di incontro e riflessione. Sonoo certo che Gesù Cristo è stato l'investimento più sicuro della mia vita, dal quale ho ricevuto con abbondanza ogni dono.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?