banner header
Log in

Cos'è la Libertà?

La Verità vi renderà Liberi

Giovanni 8,32

La Verità vi renderà liberi

kaka1

Che cosa è la Libertà? Sei libero se puoi scegliere, e sei libero se puoi fare ciò che hai scelto. Libertà è fare ciò che si vuole. Ma cosa è che tu vuoi, in fondo, davvero e sempre? Vuoi forse il tuo male? Vuoi forse essere ingannato, tradito, abbandonato? Certo che No. Tu hai già scelto e sai già cosa vuoi: hai scelto il tuo bene, perché tu vuoi sempre il tuo bene. Ma dov'è il tuo bene? Tu non lo sai. Chi te lo dirà? La Verità. Perché, se un bene non fosse vero, non sarebbe più un bene, ma un male. E tu il male non lo vuoi; se ti fosse imposto, tu lo faresti contro la tua volontà. Perciò schiavitù è fare il male, e libertà è fare il bene. E se tu sei nell'errore, non sei libero, perché in tal caso tu vuoi ciò che non vorresti mai, se lo conoscessi davvero. Dunque la verità ti farà libero; l'errore, il dubbio e l'ignoranza ti faranno schiavo. Chi non sa deve dipendere dagli altri, e se dipende non è più libero. Senza la verità sei come un cieco, che non può camminare da solo e va laddove lo conducono.
Seguendo l'errore, può sembrarti di essere libero, ma è la libertà del folle. Anch'egli fa ciò che vuole, ma la sua volontà è prigioniera insieme con la sua ragione; nel labirinto della sua mente sconvolta ha smarrito la verità. Non c'è infatti persona più schiava di un pazzo.
La tua volontà è un potente motore, nessuno può trascinarla suo malgrado, finché non si arrende. Ma le occorre un pilota che la metta in moto e la guidi: la Ragione. Le ragioni sono tre: la ragione dell'istinto, la ragione tua, la ragione di Dio.

La ragione dell'istinto e un pilota di razza inferiore, lo hai in prestito dalle bestie. Affidandoti completamente ad esso, ti guiderà in basso. La tua volontà obbedirà così a un suo naturale dipendente: non sarai allora più libero ma schiavo. Come appunto quando sei nato. Non si nasce infatti liberi, ma con l'aspirazione alla libertà; come non si nasce sapienti, ma col desiderio di sapere; non si nasce felici, ma con la sete della felicità. Quando nascesti non eri che un fascio di istinti e di bisogni, e dove c'è un bisogno non c'è indipendenza. E tu dipendevi per tutto.
Ora più resti bisognoso, meno sarai indipendente: più esigenze, più schiavitù.
Sei nato dunque servo dell'istinto, ma con facoltà a renderti libero. Non siamo liberi, ma ci liberiamo.
La ragione della mente invece è la tua ragione, sei tu. Seguire la propria ragione è guidarsi da sé, non è servire. Perciò più preferirai la tua ragione a quella dei sensi e meno sarai schiavo. I tuoi istinti non puoi abolirli; falli dunque a servizio della tua ragione e saranno tuoi schiavi e tu sarai padrone.
La tua ragione però è miope e ogni verità umana è incerta. La tua ragione conosce poco la strada: dove ti condurrà? Non certo lassù in alto dove tu vuoi, né ti darà tutto quello che chiedi. Affidarsi solo ad essa non paga..credimi. Così, con la sola ragione non si è mai completamente liberi, ma sempre in qualche modo schiavi.
La ragione di Dio. Non c'è dunque che la terza guida, quella divina. Quella che sa il tuo primo giorno e l'ultimo; che sa la tua origine e la tua méta; che conosce quel che sei e quel che vali; che possiede quel che cerchi e che non trovi.
Soltanto quella Verità ti farà pienamente libero, perché darà significato agli eventi di ogni giorno, ti spezzerà ogni tua malsana abitudine, ti solleverà oltre ogni cima, ti appagherà oltre ogni brama.

Ultima modifica ilLunedì, 16 Settembre 2013 16:05
  • Citazione: Gv 8,32
Giovanni Isidori

Studente di Sacra Teologia all'Istituto Teologico di Assisi.

Ausiliario alla Sicurezza presso la Basilica di San Pietro in Vaticano.

Cantore nel coro-guida "Mater Ecclesiae", coro gregoriano di risposta nelle celebrazioni presiedute dal Sommo Pontefice.

Sito web: https://www.facebook.com/giovanni.isidori



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?