banner header
Log in

La regola d'oro

...anche voi fatelo a loro

(Matteo 7,12)

12Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti.

Questa parola che pronuncia Gesù e che noi chiamiamo comunemente ‘regola d’oro’ è diventata di uso comune tanto che spesso e volentieri la sentiamo dire in giro con molta facilità, anche se forse s'ignora l'Autore.

Anche il grande santo di Assisi l’ha ripresa e inserita nella sua regola non bollata del 1221 come esortazione per i suoi frati, tanto che qualcuno pensa che sia stata pronunciata dal poverello di Assisi. Infatti san Francesco ha vissuto pienamente questa parola che come dice Gesù è il compendio di tutta la Legge e i profeti.

Questo vuol dire che se solo avessimo il coraggio di entrare in questa prospettiva di vita così terribilmente semplice ma così profondamente rivoluzionaria, potremmo entrare davvero nella logica del Vangelo e della sua giustizia. Qualcuno dice infatti che tutta la bibbia non è altro che la ‘spiegazione’ di questo versetto.

Prima di lasciare allo Spirito Santo che vi abita la creatività di farvi vivere in modo originale questo Vangelo mi piace sottolineare quello che a me ha suggerito.

Anzitutto ricorre il verbo ‘fare’ e questo mi dice che l’amore si esprime con il ‘fare’. Non necessariamente con azioni che prevedono un movimento ma sicuramente un’azione, un fare… anche ‘fare silenzio’ è un azione per capirci.

Fare certo ma non per se stessi, per qualcun altro, per l’altro. L’egoista infatti ‘fa’ per se e pretende che gli altri facciano per lui: pone il proprio io al centro di tutto, come un buco nero che fagocita tutto. Chi ama invece fa per l’altro che ha posto al centro di se.

Amare veramente secondo questa logica significa capovolgere le proprie attese in attenzioni verso l’altro, partendo proprio da quelle attese, da quelle attenzioni, da quei diritti sull’altro che conosce bene e che potrebbe elencare in maniera puntuale.

Per chi ama i bisogni dell’amato diventano i suoi impegni.

Questo meravigliosa perla che Gesù ci invita a vivere capovolge, inverte la tendenza egoistica di porre se al centro di tutto. L’uomo è già al centro di Dio. Io divento come Dio se come Lui pongo al centro gli altri.

Ama gli altri e pensa a Dio, a te c’è già chi ci pensa.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilSabato, 20 Dicembre 2014 01:07
  • Citazione: Mt 7,12
Agostino Di Meglio

Agostino Di Meglio, classe '74, vivo a Roma dove lavoro come consulente web in una società di informatica. Ho frequentato i primi due anni dell'Istituto Teologico di Assisi. Ho tante passioni tra cui il mare... mi richiama tanto l'infinità di Dio e del suo Amore! Sono innamorato della vita e sono sempre in ascolto di essa, perchè è maestra e perchè è uno dei mezzi privilegiati attraverso cui Dio mi parla.

Sito web: buonanovella.info

1 commento

  • Paolo Morandi
    Paolo Morandi Sabato, 20 Dicembre 2014 11:46 Link al commento

    Proprio citando questa "regola d'oro", Chiara Lubich ebbe modo di parlare ad una numerosa assemblea di mussulmani neri negli USA... E fu calorosamente applaudita.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?