Logo
Stampa questa pagina

Non restare chiuso quì: Pensiero

       Senza di me non potete far nulla

      Ciò che cerchi è fuori di Te

(Giovanni 15,6) Senza di me non potete far nulla

Self made man by tao man

Non è una esagerazione, è proprio così: senza Cristo le tue supreme esigenze restano insoddisfatte. Senza di Lui non puoi far nulla di risolutivo. Puoi soltanto cercare incessantemente, puoi tentare tutte le vie, puoi smarrirti, puoi disperarti, ma senza di Lui non approderai a nulla. Non dico che senza Cristo tu non possa lavorare, guadagnare, avanzare nei tuoi affari e costruirti una solida posizione nella vita. Tutto questo da te lo puoi fare e ci riesci benissimo. Ma non è questo che soprattutto ti interessa. Non è qui che si placa la tua sete più profonda ed esasperante. Tutte queste piccole soddisfazioni non sono per te che piccoli gradini che a poco a poco speri ti portino a raggiungere la piena soddisfazione di tutto te stesso. Ma, in realtà, quando sei in cima alla scala, la delusione più amara ti attende, perché non trovi quello che speravi e per cui valeva la pena di salire. Siamo sempre al mito di Sisifo; di fatica, quel povero condannato ne faceva tanta; il macigno, riusciva a spingerlo fin sulla vetta del monte, ma invano, perché se lo vedeva di nuovo sfuggire e ricadere per l'altro versante del monte, giù in fondo alla valle. Cos'è infatti la tua scienza senza la fede? Una ricerca continua e febbrile, il cui risultato non è la tua sapienza ma la tua ignoranza. è un continuo errare e correggere, un avanzare e un ritornare sui propri passi.
E la tua filosofia? E' sempre la platonica visione di ombre che s'agitano sul fondo di un'antica caverna; una corsa su strada che non si trova, verso un traguardo che non c'è. La matematica può dirti che due più due fa quattro, ma ciò non ti rende felice, non è quello che tu cerchi. Saresti nato per un'operazione algebrica, o per un'esperienza di chimica? Sarebbe tutto qui il valore della tua esistenza? Avresti forse accettato la vita con tutti i suoi pesi e i suoi guai unicamente per fabbricarti un ordigno che ti annientasse all'istante? Cosa ha fatto il mondo senza Cristo? Ha moltiplicato la propria potenza, ma non ha accresciuto la propria letizia: quanti uomini oggi son più tristi di ieri? Cosa sono i tuoi piaceri senza Cristo? Surrogati, sofisticazioni della gioia, non gioia vera! Non riesci a trovare nella vita la bellezza e il piacere di vivere. Forse non sai più sorridere: ti hanno insegnato solo a sghignazzare o a piangere. L'uomo di mondo per poter gioire un'ora ha bisogno di drogarsi. L'estasi del cristiano è nella preghiera, l'estasi del mondano è nello svago.
Cos'è la tua onestà, la tua rettitudine, il tuo onore senza Cristo? Un esteriore impeccabile che nasconde i desideri più meschini, le più ingorde cupidigie, le voglie più turpi. è dunque un abito da società, è retorica, trucco, belletto che serve solo per il pubblico.
L'onestà autentica è rinnovamento interiore, è sincerità con se stesso che si raggiunge solo nella umiltà cristiana; è rispetto di se stesso che si realizza solo nella purezza cristiana. Cos'è la coesistenza dei popoli senza Cristo? Una machiavellica gara di inganni e di tradimenti in una opprimente atmosfera di vicendevole diffidenza: le armi sono il segno non della potenza ma della paura umana. Quale bruciante ironia: tu cerchi la pace e riesci a fare soltanto la guerra!
Cos'è la società senza Cristo? Lotta per l'esistenza; un contendersi, come nella giungla, il pane, la tana, il piacere e il predominio, tutti i giorni, senza sosta, fino all'ultima sosta. Nascere, cercare, lavorare, ridere e piangere, ubriacarsi e pentirsi, desiderarsi e odiarsi, penare e lottare per poi morire. Fuori di Cristo, altro la tua vita non è. La storia è li che parla.

Ultima modifica ilMartedì, 16 Luglio 2013 00:40
Giovanni Isidori

Studente di Sacra Teologia all'Istituto Teologico di Assisi.

Ausiliario alla Sicurezza presso la Basilica di San Pietro in Vaticano.

Cantore nel coro-guida "Mater Ecclesiae", coro gregoriano di risposta nelle celebrazioni presiedute dal Sommo Pontefice.

Sito web: https://www.facebook.com/giovanni.isidori
Buona Novella 2015 © . Tutti i diritti riservati. Powered by ADM
Questo sito utilizza una licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia