banner header
Log in

Il Signore scruta il cuore

Come il cercatore d’oro setaccia nel torrente molta sabbia, alla quale non dà alcuna importanza per quanto gli costi non poca fatica, così l’eterno Padre nel corso della nostra vita “setaccia” ogni nostra buona azione - e persino l’intera nostra stessa persona - perdonando molto e anche tutto di fronte ad un pur solo atto d’amore: il dialogo tra il “buon ladrone” e il Cristo crocifisso ne è un esempio più che palese...

Questo perché per il Padre le nostre miserie, le nostre mancanze, anche i nostri più gravi e ripetuti peccati sono (similmente al cercatore di cui sopra) proprio come poveri chili di sabbia, materia inerte di ben scarso valore; mentre i nostri atti d’amore sono come autentici chili d’oro.

Perciò anche se gli consegnassimo mille chili di sabbia, non sarebbe tanto quanto gli consegnassimo inoltre pur “solo” uno o pochi chili d’oro!

E, a proposito di oro e misericordia divina, trovo assai gradito ricorrere ad un ulteriore esempio...

Per colui che veramente desidera anzitutto amare Dio e il prossimo, e che pertanto si impegna a fondo nella pratica dell’osservanza dei Dieci Comandamenti, la strada della sua quotidianità è proprio come se fosse lastricata d’oro.

Ma se poi - nonostante il suo fondamentale desiderio e impegno - persino più volte gli succedesse di peccare in modo grave, la strada s’interromperebbe, franerebbe, e ogni volta si formerebbe una voragine umanamente incolmabile.

Con il sacramento della confessione - però - tanto più se completato da un sollecito e provvidenziale acquisto di indulgenza plenaria, Gesù può sempre colmare tale voragine; ed inoltre, in siffatti casi, la colmerebbe senza dubbio “d’oro fino”...

Perciò chiunque, in qualsiasi momento della sua vita, prendesse anche solo la decisione d’impegnarsi fondamentalmente nello sforzo verso il Bene e nel contempo di confidare ripetutamente nel Signore, negli istanti del “trapasso” - voltandosi a guardare l’intero percorso della sua esistenza terrena - sempre e comunque potrebbe essere sicuro di ritrovarsi (anche se, assai probabilmente, con ancora stupita e comprensibile commozione) ad osservare “una strada tutta lastricata d’oro”.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilMartedì, 28 Aprile 2015 00:08
Paolo Morandi

Sono un insegnante in pensione, articolista e saggista, residente nel Trentino. Negli ultimi anni mi sono occupato di problematiche, etiche e morali; in particolare nell'ambito della sessualità, oltre a tutto ciò che concerne il nostro quotidiano modus vivendi.

Sito web: www.paolomorandi.wordpress.com
Altro in questa categoria: « La mia quaresima Ut omnes unum sint »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?