banner header
Log in

La correzione fraterna

Carissimi amici, desidero condividere con voi quest’oggi qualche pensiero su un delicato tema che ha a che fare spesso con le nostre comunità… e i nostri preti! La domanda che mi viene posta è la seguente:

«QUANTO È IMPORTANTE LA CORREZIONE FRATERNA IN UNA PARROCCHIA?QUALE È IL GIUSTO INTERVENTO DI UN SACERDOTE? TOLLERARE SEMPRE E COMUNQUE IN NOME DELL’AMORE PER NON PERDERE NESSUNO O SEMPRE IN NOME DELL’AMORE INDIRIZZARE CHI SBAGLIA SULLA RETTA VIA COL RISCHIO DI PERDERE UN FRATELLO?».

È ben evidente che dare delle risposte “confezionate” e risolutrici non è possibile, ma indubbiamente dare qualche chiave di lettura può tornare utile. Se siamo d’accordo che la parrocchia è l’insieme di quanti vivono e desiderano vivere la loro fede, nei più svariati modi, ma che hanno comunque l’unico obiettivo di riconoscersi in Gesù Cristo, allora risulta facile affermare che la correzione fraterna è un ingrediente indispensabile, al suo interno. Pensare che ognuno basti a se stesso e sia il possessore dell’assoluta verità è infatti il peggior modo di presentarsi di chi si sente parte di una comunità; ecco, perciò, il grande dono della correzione, del darsi una mano, perché il tutto vada per il meglio.

È inevitabile aprire una parentesi a questo punto. La bellezza di una comunità si denota e si costruisce nell’unità creata tra le diversità di ciascuno… e qui, spesso,… cade l’asino! Siamo davvero convinti che la diversità sia una caratteristica positiva? Apprezziamo e valorizziamo chi non ha il nostro stesso pensiero, o non viaggia sulla nostra stessa linea d’onda? State tranquilli amici carissimi: anche tra clero e preti – a questo proposito – critiche e disapprovazioni sono (quasi) all’ordine del giorno, più di qualche volta!

L’intervento cauto e opportuno del “pastore” fa sì che il gregge non si disperda, ma… fino a che punto? Difficile dare una risposta secca! Sicuramente è quanto mai necessario che ognuno, alla fine, deve fare i conti con la propria coscienza, non con il prete di turno, con il delegato dell’oratorio, o con l’economo delle strutture parrocchiali… Ma è davvero sempre così? Ogni nostra assunzione di un impegno nella comunità ha come finalità il prestigio personale, la ricerca di consensi e applausi, o siamo consapevoli che siamo “a servizio” degli altri, per il bene della comunità? Che fare, allora, quando le situazioni sono non proprio rosee? Mi permetto di invitare a fare quanto dice Gesù stesso (che non sbaglia mai, così almeno… vado sul sicuro! :D):

«Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va' e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano» (Mt 18,15-17).

Ecco come dovrebbe essere nelle nostre comunità e parrocchie: non aver paura di far presente il fatto, quando ci si accorge che qualcosa non va, curando magari la modalità dell’intervento. I nostri pastori non sono perfetti: ogni tanto qualche “tirata d’orecchie” fa bene anche a loro, senza dubbio alcuno! Allo stesso tempo anche i nostri laici accettino qualche dritta dei pastori: se Dio ha scelto alcuni per un determinato compito e a guida delle comunità, probabilmente… ne sa qualcuna più di noi! All’interno della comunità, qualora venisse a mancare l’obiettivo primario del nostro esserci, non avrebbe senso parlare di “perdere” qualche persona: è la persona stessa che sceglie di non condividere la fatica del confronto, della correzione, del costruire unità, anche (e soprattutto) nella diversità! Sempre con gioia e con perseveranza, sentiamoci coinvolti tutti nel fare il bene della e per la Chiesa! Così, se essa va bene o male, potremmo affermare che… è anche merito/colpa nostra!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Don Federico Fabris

Sacerdote dal 2007, insegnante di religione nelle scuole medie di Padova.

Altro in questa categoria: « Camminando insieme Cocci Nella »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?