banner header
Log in

Cammina con me

"Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava”

(Mc 1,35)

A questo versetto mi sembra che possa riferirsi questa “passeggiata” di Gesù sulle rive di un lago, dipinta da Greg Olsen, un artista contemporaneo statunitense. Il suo nome forse non ci dice molto, ma sua è la maggior parte delle raffigurazioni di Gesù che circolano in internet.

I toni azzurri, le macchie di luce di un sole pallido, un volo di gabbiani. Si sente l'aria ancora tiepida della notte e il silenzio rotto solo dal calpestio dei sandali sul selciato pietroso.

La figura di Gesù è decentrata, l'incedere lento ma deciso, gli occhi bassi, l'espressione seria e profonda.

E' chiuso in sé, sta pregando, non si è accorto di noi che lo guardiamo.

Ora passa esattamente davanti al sole, tanto che non riusciamo più a capire se è Lui a splendere di luce ("Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita" - Gv 8, 12).

“Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava” (Mc 1,35)...

La sera precedente era stata faticosa: Gesù aveva guarito molti malati e indemoniati. Ora è mattino e, ancora buio, si alza e va verso un luogo deserto per pregare. Ma la sua preghiera è già cominciata durante il viaggio: è un dialogo con Dio, un silenzio, un ascolto, è un emergere dal buio della notte e mettersi in cammino, risoluto, alla luce del Padre.

Gesù non ha dimora, è spinto continuamente a camminare, ad andare verso, a farsi prossimo ed è il Padre ad indicargli la direzione.

Così anch'io Lo immagino tante volte...eccolo, sta passando! Possiamo guardarlo mentre si allontana, o metterci a camminare accanto a Lui, oppure seguirlo, o ancora, vedete quanto spazio c'è davanti a Gesù? Ecco, siamo liberi anche di precederlo, ma il rischio è quello di perdersi per altre strade. Comincia un nuovo giorno e anche oggi cammina con noi!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilMercoledì, 22 Luglio 2015 00:10
  • Opera: Cammina con me - Olio su tela
  • Autore: Greg Olsen
  • Periodo: 2007
Anita La Tanza

Anita La Tanza, 33 anni, terziaria francescana sposata con Carmine. Nata a Taranto, vivo a Santa Maria degli Angeli (Assisi).  Sono laureata in Conservazione dei Beni Culturali ed ho sempre lavorato in questo campo. Credo che l’arte sia una finestra sull’Infinito e che, come tale , si possa “meditare”. Parafrasando Giovanni Paolo II, posso dire che, grazie ad essa, « la conoscenza di Dio viene meglio manifestata e la predicazione evangelica si rende più trasparente all'intelligenza degli uomini ». 

1 commento

  • Stefano
    Stefano Mercoledì, 09 Settembre 2015 12:11 Link al commento

    Sarebbe davvero bello poter passeggiare ogni giorno con Gesù e confidargli tutte le nostre angosce come si fa con un amico ...
    Davvero un bel articolo :)




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?