banner header
Log in

La guarigione dell'anima

...e lo pregavano di potergli toccare almeno la frangia del mantello

(Marco 6,35-36)

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, compiuta la traversata, approdarono e presero terra a Genèsaret.

Appena scesi dalla barca, la gente lo riconobbe, e accorrendo da tutta quella regione cominciarono a portargli sui lettucci quelli che stavano male, dovunque udivano che si trovasse. E dovunque giungeva, in villaggi o città o campagne, ponevano i malati nelle piazze e lo pregavano di potergli toccare almeno la frangia del mantello; e quanti lo toccavano guarivano.

In questo brano del Vangelo troviamo il tema della malattia. La malattia come la morte, da sempre hanno questionato profondamente l’uomo di ogni epoca. Una cosa è certa Dio non ama la malattia e on le manda come comunemente si crede. Dio non punisce con la malattia e non fa parte della Sua Creazione, anzi è il primo che si impegna a liberare l’uomo dalla morte.

A tal fine manda Suo Figlio Gesù, questo è il suo più grande atto d’amore per liberarci da ogni male, dalla malattia e dalla morte!

Gesù passa tra la gente, le persone lo riconoscono come il Salvatore che può guarirli. Gesù può guarire nel corpo e nell’anima e sa che più importante della salute del corpo c’è la Salvezza che è venuto a portarci con la sua vita, il suo esempio, il suo camminare in mezzo alla gente.

Gesù guariva e la gente aveva fede in lui, bastava solo toccarlo, bastava solo che rivolgesse il suo sguardo ai malati, bastava che i malati lo incrociassero nel suo cammino…

Gesù, ieri e oggi, ci guarisce nel corpo ma ancora di più, guarisce le ferite dell’anima, quelle che ci impediscono di vivere la vita con serenità e gioia, quelle che ci fanno ripiegare su noi stessi e ci rendono incapaci di guardare i nostri fratelli

Leggendo questa Parola, possiamo chiedere la grazia di essere guariti nell’anima e di riconoscere che Dio ci guarisce ogni volta che abbiamo fede in Lui e lo tocchiamo attraverso l’amore che abbiamo per i nostri fratelli vicini e lontani!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilMartedì, 17 Febbraio 2015 09:39
  • Citazione: Mc 6,35-36
Roberta Salis

Sono sposata e con mio marito siamo impegnati in parrocchia. Abbiamo un grande amore per la missione... Ho studiato teologia!!!




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?