banner header
Log in

Loser

Tempo fa scrissi un articolo: “La fedeltà del lampione” . Il giorno stesso mi contattò un certo Giuseppe Bruno che non conoscevo assolutamente! Mi ringraziò per l’articolo e mi propose un amicizia su Facebook. Iniziai a conoscerlo sempre di più e rimasi colpito dalla sua profondità! La cosa incredibile è che in pochissimo tempo eravamo diventati amici e sembrava di conoscerci da una vita!

Mi inviò dei suoi cd perchè Giuseppe è un cantante, anzi come si definisce lui: “Un Mercante di emozioni”. Questi cd furono un regalo molto gradito e iniziai ad ascoltarli tutti i giorni nel viaggio di andata e ritorno dal lavoro. Dopo circa una settimana ero diventato un suo fan!!! La profondità dei suoi testi, la musica, il ritmo fanno delle sue canzoni delle vere poesie! Beh sembra uno spot pubblicitario vero??

Un giorno però mi sono imbattuto in una canzone che appena iniziava mi dava un fastidio enorme! Questa canzone era irritante, colpiva una parte interna di me che subito mi spingeva a toglierla e passare alla successiva!! Questa canzone si chiama: Loser (perdente).

Ecco, vi chiedo di fare un esperimento: cliccate il link qui sotto e ascoltate l’inizio e poi tornate all’articolo:

Ascolta il brano...

Sentito??

Ecco appena sentivo questo inizio dove rimbomba: “Perdente, perdente, perdente” una parte di me scattava e diceva: “che schifo sta canzone..”.

In realtà ho compreso una cosa bellissima! Seguitemi e vedrete che anche voi arriverete ad amarla!!

Dentro di noi è nascosta una voce, flebile ma al tempo stesso infame e inquinante! Questa voce ti suggerisce tutti i giorni che sei un perdente!! E’ difficilissima da stanare eppure quasi sempre c’è. Per farvi un esempio è presente quando vedi uno che è più avanti in carriera di te e la vocina ti dice: “potresti essere più in alto.. perdente”. E’ presente quando fai del bene in parrocchia e la vocina ti dice: “non cambierai il mondo.. perdente” è presente quando vedi le case degli altri.. più belle, più grandi o quando vedi le macchine degli altri o quando vedi le celebrità essere in prima pagina. Hai capito come funziona? È una voce di paragone!! Una voce satanica che ti dice: “non vali niente!! Sei un perdente!! Datti da fare per apparire di più”. Ecco la verità: non per essere ma per apparire di più. Satana non vuole che tu sia migliore ma che appaia migliore degli altri e per farlo dovrai rincorrere una carotina sulla ruota e quella carotina non la raggiungerai mai!!

Cosa fa questa canzone?? Ti spara a mille “perdente, perdente, perdente” cioè amplifica quella voce infame che ti umilia tutti i giorni. Certo che non vuoi sentirla.. certo che ti viene da chiudere..

Questa canzone fa da cassa di risonanza a quella voce infame, satanica! Per farvi capire meglio è come se una parola pronunciata sottovoce: “perdente” fosse amplificata con un sistema di microfono e casse potentissime.

Abbiamo una paura matta di sentirci perdenti perché abbiamo una paura di matta di non essere amati. Il perdente viene associato al 'non amato'.

Ecco le associazioni mentali che facciamo:

  • Ho tanti numeri (soldi, fans, ecc.), vinco, la gente mi ammira. Mi amano.
  • Ho pochi numeri (soldi, fans, ecc.) perdo, la gente non mi ammira e non mi ama.

Con questa consapevolezza la canzone ti fa un servizio grandissimo! Ti ricorda che c’è una voce che vuole farti vedere “perdente” e che invece tu sei un “vincente”. Ricorda però che anche “vincente” è un modo di dire perché se metti un “vincente verso qualcun altro..” sei ricaduto nella trappola della voce.

Tu sei un “vincente” perché sei unico e amato da Dio sempre!!! Tante volte si dice che siamo tutti uguali!! Cosa? E che Dio è una fabbrica? No.. siamo tutti diversi con pari dignità ma diversi perché con storie e talenti diversi. Dio non fa mai cose uguali! Ogni persona nata in questo mondo è vittoria di Dio! Ogni persona è Unica e speciale.

Ora prova a riascoltare la canzone (tornando su).

Hai smascherato la voce? Ti senti amato da Dio?

Tu sei un vincente!!!

Grazie a Giuseppe Bruno Eight e a Snako.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilSabato, 26 Aprile 2014 22:18
Daniele Picconi

Daniele Picconi, 32 anni, lavoro a Treviso come professore di religione, baccellerato ad Assisi, sposato con Valeria Bernardi, amo credere che il mondo possa cambiare partendo dalla mia conversione.

Altro in questa categoria: « 'G'… come GLORIA Respira »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?