banner header
Log in

Mosè libera i fratelli!

Oggi c’è bisogno di nuovi Mosè che con la loro fragilità si lasciano inviare da Dio a liberare i fratelli. In realtà chi libera è solo Dio. Vediamo insieme un percorso parallelo tra Mosè e noi oggi.

Mosè:

  • Nato in Egitto in un’epoca in cui il faraone vuole la morte dei primi figli maschi. Cercano di farlo morire nel fiume Nilo ma viene salvato dalle acque dalla figlia del faraone.
  • Cresce con la mentalità egiziana e faraonica dov’è normale l’apparenza e che ci siano schiavi e padroni.
  • Scopre la sua identità ebraica e soffre per l’ingiustizia verso il suo popolo e lotta ma è costretto a fuggire.
  • Diviene pastore e attirato da un cespuglio ardente che non si consuma mai. Ascolta la voce di Dio che lo invia in Egitto a liberare i suoi fratelli.
  • E’ consapevole della sua debolezza ma parte con la forza del nome di Dio, del bastone e di suo fratello Aronne.

Oggi noi:

  • Nascere oggi non è scontato. Tantissimi bambini non sono mai venuti alla luce perché abortiti o semplicemente tagliati fuori dal programma di vita di genitori che non riescono ad arrivare a fine mese e non possono permettersi di accogliere un’altra persona da far crescere. E’ una società in cui la vita non viene promossa, anzi.. Continuamente si parla del costo di un nuovo bambino e senza giudicare nessuno, ci si accorge che è la gente preferisce un animale a un bambino. I numeri degli aborti sono elevatissimi e lasciano una scia di sangue non solo per i piccoli uccisi ma anche nei cuori delle mamme che a distanza di tempo si accorgono di ciò che hanno fatto e difficilmente riescono a riprendersi. Il faraone oggi vuole distruggere la vita in tutte le sue forme. Se oggi stai leggendo quest’articolo sappi che sei il frutto di una scelta dei tuoi genitori e sei sopravvissuto a una strage!!!!
  • Oggi è normale la cultura dell’apparire, dell’essere i più forti e sfruttare gli altri. Molte volte si sente dire: “se non fai le scarpe agl’altri.. te le faranno loro!”. E’ una cultura dove “tu” sei al centro e gli altri sono al tuo servizio! Le persone non sono fratelli con cui condividere ma scalini su cui salire per elevarsi ed essere ammirato. E’ la cultura dei numeri dove chi ha molti “follower” (coloro che ti seguono) su twitter è importante e dove quanto più si appare sui social tanto più si è famosi e importanti. Quanto più si appare, tanto più si è importanti. La televisione, strumento utile, molto spesso promuove questa mentalità.
  • Di fronte a questa situazione sicuramente almeno una volta nella vita avrai sentito un rigetto, un rifiuto, un disgusto! Ma di fronte a questo teatro a cielo aperto, lottare con le proprie forze porta dopo poco alla frustrazione del sentirsi impotenti. Il mondo non si riesce a cambiare con le sole proprie forze.. è più probabile che ci si stanchi di lottare e si torni a mettere una maschera e avere il proprio angolo di gloria e applausi.
  • Il lottare e non riuscire ti porta a due possibilità: o ritorni nella mentalità del faraone o in qualche modo fuggi e cerchi di non adeguarti. Nella vita quotidiana, resistendo alla logica faraonica Dio interviene e ti viene a parlare. Attenzione!! Dio parla in tanti modi. Non ha uno schema fisso ma adatta le Sue parole a te. E’ Lui che ti viene incontro, è Lui che ti attira. In questo tuo non voler arrenderti alla mentalità faraonica (dell’apparire e dell’ingiustizia) Dio ti viene incontro e ti parla e ama il tuo desiderio di giustizia e verità. Nel tuo piccolo e fragile cuore ma ardente d’amore, Dio ti parla e ti chiede di andare dai fratelli. Ti chiede di liberarli.
  • Di fronte alla missione, dopo aver sperimentato la frustrazione per la forza della mentalità faraonica ci viene una sorta di incredulità e rifiuto. Dio tuttavia t’invia, ci invia.. e ci da delle cose preziosissime: Il suo nome, il bastone e Aronne. Il nome di Dio è la sua identità! Il nome di Dio sarà con te, Lui sarà con te. E’ al tuo fianco!! Non devi temere. Il bastone per te oggi è la croce di Gesù. Solo con la logica dell’amore crocifisso le persone verranno liberate (ricordo che è Dio che libera tramite questa logica). Infine Aronne ovvero il fratello. Dio ti manda dai fratelli con un altro fratello. Non sei solo a combattere! Intorno a te è pieno di fratelli che lottano per amore. Non cedere alla tentazione che dice: “sei da solo.. tutti si sono arresi”. Di fronte alla nostra debolezza sappiamo allora che non siamo soli e che Dio sarà con noi!! Che i fratelli saranno con noi e che la logica dell’amore crocifisso compirà miracoli!!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato. 

Ultima modifica ilDomenica, 16 Marzo 2014 00:41
Daniele Picconi

Daniele Picconi, 32 anni, lavoro a Treviso come professore di religione, baccellerato ad Assisi, sposato con Valeria Bernardi, amo credere che il mondo possa cambiare partendo dalla mia conversione.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?