banner header
Log in

Non guardarmi, non ti sento

  Può un cieco guidare un altro cieco?

Luca 6,39

Può un cieco guidare un altro cieco?

Blind Driver

Chi sono questi ciechi? Io, tu, gli altri, tutti. Nasciamo tutti ciechi, ma tutti avidi di luce, tutti in cerca della verità. Segno chiaro che non la possediamo. Perciò la cerchiamo dovunque, in noi e attorno a noi. Ma vi troviamo poco, soltanto qualche raggio di luce, qualche frammento di verità, qualche sbiadito riflesso della verità. Non c'è un uomo che l'abbia trovata intera, non c'è un uomo che la possegga tutta, neanche i più grandi; neanche i geni. Tutti gli uomini errano finche' cercano in sé o attorno a sé, tutti brancolano fra pochi lampi in molte tenebre. Non vedi come la verità è spesso male intesa, mutilata, o anche sofisticata, o addirittura contraffatta, con intenzione, con malizia? O anche senza malizia, è però svisata dalle varie mentalità, deformata dalle nostre passioni, colorata dai nostri sentimenti ,sezionata dai nostri punti di vista, rimaneggiata dai nostri interessi? Non vedi che confusione di idee c'è in giro?
Il capriccio lo chiamano libertà, la seduzione la chiamano arte, il peccato lo chiamano ventura, la dissolutezza la chiamano esperienza, la brutalità la chiamano forza, la villania la chiamano sincerità, la bestialità la chiamano natura, il vizio lo chiamano amore e la corruzione la chiamano vita, lo strozzinaggio lo chiamano giustizia, l'oppressione la chiamano progresso, e il progresso lo chiamano religione; dell'anarchia ne fanno un diritto, e del diritto ne fanno un appannaggio della violenza. « Sono ciechi che guidano ciechi ». Non puoi dunque affidarti a nessuno, non puoi farti guidare da nessuno. Se ti appoggi a un uomo, prima o dopo sei con lui in un fosso. Guide umane condussero intere generazioni al macello, guide umane spinsero gli uomini a dilaniarsi fra loro come belve, guide umane trascinarono popoli interi nei più fatali errori, guide umane sedussero i giovani con le loro nefaste dottrine, guide umane iniettarono i microbi dell'odio nell'animo dei semplici. « Ciechi che guidano ciechi ».
Anche tu forse hai confidato negli uomini ed essi ti hanno condotto nell'errore, nel fallimento, nella colpa, nell'abiezione. Eppure continui a confidare in loro, continui ad appoggiarti a loro, continui a seguirli nel loro cammino, continui ad aver fiducia nelle loro promesse, continui a sperare nella loro potenza, nel loro genio, nella loro superiorità, nelle loro capacità di salvare il mondo, di rifare la società, di riformare l'uomo. Continui a credete ciecamente, a spendere il tuo denaro, le tue forze, la tua vita per le loro favole e per le loro ambizioni. Povero te! Prima o dopo ti accorgerai ancora una volta che hai costruito le tue speranze sopra le sabbie mobili dei valori umani. Prima ? dopo ti accorgerai che sei caduto un 'ennesima volta nella trappola. T'accorgerai che quella colonna a cui ti appoggi è soltanto una canna; che quel felice avvenire promesso è solo un miraggio; che quella prevista società perfetta è solo un sogno; che la immortalità vaticinata è solo un'illusione; che il prossimo paradiso terrestre è una feroce presa in giro. « Infelice quell'uomo che confida nell'uomo ».
Deciditi dunque a prendere la vera Guida, l'unico che non è nato cieco perché Lui è la luce; l'unico che conosce la strada giusta perché Lui è la via; l'unico che non sbaglia mai perché Lui è la verità; l'unico che non delude perché Lui è la vita.

Ultima modifica ilLunedì, 16 Settembre 2013 16:10
  • Citazione: Lc 6,39
Giovanni Isidori

Studente di Sacra Teologia all'Istituto Teologico di Assisi.

Ausiliario alla Sicurezza presso la Basilica di San Pietro in Vaticano.

Cantore nel coro-guida "Mater Ecclesiae", coro gregoriano di risposta nelle celebrazioni presiedute dal Sommo Pontefice.

Sito web: https://www.facebook.com/giovanni.isidori



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?