banner header
Log in

Numeri bellissimi perché annunciano

 

Ghematria e Sacra Scrittura

Sacra Scrittura

Nei vangeli sono presenti numeri sistemati accuratamente dagli evangelisti che hanno lo scopo di presentare Gesù come il Messia. Per scoprirli ci vuole un’attenta analisi e una conoscenza della ghematria. La ghematria è uno studio ebraico che associa ad ogni lettera un valore numerico e viceversa. Sapendo questo riusciamo a scoprire una cosa molto interessante!!

Nella genealogia di Gesù secondo l’evangelista Matteo (Mt 1, 1-17) c’è un elenco di nomi che parte da Abramo fino ad arrivare a Gesù. L’intento di Matteo è quello di mostrare Gesù come Figlio di Davide (titolo messianico). Per fare questo presenta l’albero genealogico di Gesù in tre blocchi formati da 14 persone.

Quindi: 14/14/14.

Perché 14? Questo numero è importante per gli ebrei e poiché Matteo scriveva a degli ebrei diventati cristianim, sa bene che possono facilmente decifrare il messaggio!

“In tal modo, tutte le generazioni da Abramo a Davide sono 14, da Davide fino alla deportazione in Babilonia 14, dalla deportazione in Babilonia a Cristo 14”. (Mt 1,17)

Per la ghematria solo le consonanti hanno valore numerico e 14 si può scomporre in 4+6+4. Ovvero nelle lettere ebraiche: dalet-waw-dalet. Quindi con il numero 14 si compone il nome David!!!

Chiaro no? Matteo presenta Gesù come il 3 volte Davide!! Ovvero ci sta dicendo che Gesù è veramente il Figlio di Davide!! Gesù è veramente il Messia!

Ora affrontiamo un altro indizio numerico a mio avviso bellissimo.

Nel libro di Daniele 9,24 scritto molti anni prima della nascita di Gesù Cristo:

“70 settimane sono fissate per il tuo popolo e per la tua santa città per mettere fine all’empietà, mettere i sigilli ai peccati, espiare l’iniquità, stabilire una giustizia eterna, sugellare visione e profezia e ungere il Santo dei Santi”.

Dunque si parla di qualcosa di molto bello!!

L’evangelista Luca quando parla degli eventi della nascita di Gesù ci dice che:

  1. Tra l’annuncio dell’angelo a Zaccaria e l’annuncio dell’angelo a Maria passano 6 mesi.
  2. Tra l’annuncio dell’angelo a Maria e la nascita di Gesù passano 9 mesi.
  3. Tra la nascita di Gesù e la sua presentazione al tempio di Gerusalemme passano 40 giorni.

Tutti questi numeri non sono casuali!!

6X30=180 giorni

9X30=270 giorni

+40 giorni

Ora sommiamo: (180+270+40) e il risultato è… 490 giorni!! Ovvero??

70 settimane!! 70 settimane è uguale a 70X7= 490 giorni!!

Riepilogando possiamo dire che Luca ci sta dicendo che il passo di Daniele 9,24 si è realizzato con Gesù!!! Rileggete il passo di Daniele e capirete il messaggio di Luca!! Luca ci sta dicendo che tramite Gesù si è arrivati al compimento dei giorni! La plenitudo temporum!!

“70 settimane sono fissate per il tuo popolo e per la tua santa città per mettere fine all’empietà, mettere i sigilli ai peccati, espiare l’iniquità, stabilire una giustizia eterna, sugellare visione e profezia e ungere il Santo dei Santi”.

Dunque gli evangelisti usarono i numeri per annunciare Gesù Cristo come Messia.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilDomenica, 09 Marzo 2014 17:30
Daniele Picconi

Daniele Picconi, 32 anni, lavoro a Treviso come professore di religione, baccellerato ad Assisi, sposato con Valeria Bernardi, amo credere che il mondo possa cambiare partendo dalla mia conversione.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?