banner header
Log in

Numeri piccolissimi e guadagni spropositati

XXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

Matteo 18,15-20

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano.

In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo.

In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

I numeri sono smisuratamente irrisori. Le prospettive sulle quali aprono sono sorprendentemente giganti. Sembra che nei Vangeli il Cielo sappia contare solo fino adieci: raramente la numerazione supera il primo numero a due cifre. Quelle poche volte che accade, sembra quasi s'affretti a chiedere poi puntualmente scusa. Da uno a dieci: i primi numeri che s'imparano da bambini, i numeri che contengono il tutto (qualsiasi numero è composto di questi primi dieci numeri), la grammatica di qualsiasi altra moltiplicazione.

Che nella Scrittura – laddove il credere e la fede si moltiplicano solo condividendo – è sempre e solo una divisione. Una condivisione, per l'appunto. Da uno a dieci, che è poi uno e zero: il mistero di un Regno che si nasconde nel piccolo della storia per allargare la capacità dello sguardo sull'Eterno. Sull'altrove di Dio. Pagine di Vangelo, che sono poi parole di speranza, racchiuse tutte nella fanciullezza di quei piccoli numeri. Nei Vangeli, come nei rotoli dell'Antico Testamento che li ha preceduti: anche là dietro – solo a mò di esempio – sarebbe bastato un solo giusto (il numero positivo più piccolo) per salvare un'intera città, quella di Sodoma. Una sola famiglia, anni prima, era rimasta tra i giusti di Dio: quella di Noè. In quell'uno custodito nell'Arca – e con esso una sola coppia di animali per specie – si salvò l'intero genere umano, uomini bestie. Si era solo agli inizi dell'avventura umana sulla terra, poco dopo lo splendore inimmaginabile dell'Eden, ma già il sospetto era alla portata di tutti: il Cielo da sempre preferì e preferirà il piccolo – l'apparente irrisorio, il quasi ridicolo – per sfidare la sagacia e il sapere del mondo avverso. Agli incroci della storia, poi, si rimarrà quasi sempre solo prossimi all'uno: sotto la Croce una donna rimase, in fronte al Sepolcro vuoto una donna lo riconobbe. Più s'abbassano i numeri, più la storia diventa femminile. Fino al numero più basso: uno. Anzi, una: Maria di Nazareth.

A piccoli numeri – che non significa “a piccole dosi”, visto che la percentuale di qualità sfida l'umano – corrispondono misure e prospettive illimitate. Spazi non misurabili: la salvezza e la dannazione, il bontà e la malvagità, il significato e l'insignificanza. Tempi non misurabili: l'Eterno, l'Eternità, il sempre di Dio. Dal piccolo all'immenso, per l'appunto. All'infinito dell'Eternità: «Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo (…) Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro». Te e lui solo: due persone. Casomai due o tre testimoni con te e lui: cinque. Il massimo è una comunità: che è la somma di una storia accanto all'altra. Pure Lui affida la sua Presenza a tale logica: ne bastano due, massimo tre e Lui c'è. C'è stato e ci sarà: sempre. E sempre col medesimo abbinamento: piccoli numeri vestiti con verbi che odorano d'intimità, di parole condivise, di sguardi incontrati: «ammonire, ascoltare, risolvere, sciogliere, accordare. Guadagnare». Dalla comunità più piccola che esista – io e te – al guadagno massimo che il Cielo conceda: «Avrai guadagnato il tuo fratello». Guadagnato: voce del verbo riscattare, nella cui eco batte forte il verbo salvare, proteggere, custodire. Amare.

I passi nella Scrittura sono sempre piccoli. Le rivelazioni sono sempre piccole rivelazioni; anche i sogni sono sempre piccoli sogni. Come i numeri, le presenze, gli amici del Cristo. Pochissimo all'inizio, per poi aumentare a dismisura: al raddoppio, all'infinito, all'inimmaginabile: il centuplo quaggiù e la vita eterna, robe da far girare la testa anche al più incallito dei fratelli di Giuda. L'inverso è sempre pericoloso: promettere in grande e poi firmare il quasi nulla. Lo assicura la storia, c'è scritto negli eventi, lo leggiamo nella carta dei giornali: numeri esorbitanti all'inizio per poi trovarsi con un pugno di sabbia alla fine. Un pugno di parole accartocciate e deluse: «Non potevo accettare questo modo di pensare: cercavo un Dio che mi aiutasse a vivere una vita al riparo dal caos, mentre per lui Dio era portatore di un'inquietudine infinita, e io non lo volevo» (L. Doninelli, Fa' che questa strada non finisca mai). Cristo lo sa e non s'illude, non illude: meglio la confidenza dei piccoli numeri che l'arroganza delle grandi cifre. Dell'esagerazione. Che è poi sempre la sorella gemella della delusione.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (http://www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilDomenica, 07 Settembre 2014 00:15
  • Citazione: Mt 18,15-20
Don Marco Pozza

Creativo e poliedrico, don Marco Pozza nasce il 21 dicembre 1979 a Calvene (VI) e diventa sacerdote il 6 giugno 2004. Dopo aver dedicato i primi tre anni del suo sacerdozio come vice-parroco in un quartiere alle porte di Padova, ha intrapreso gli studi per conseguire il Dottorato in Teologia Fondamentale presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma: dal 17 settembre 2011 è Cappellano della Casa di Reclusione di Padova (sez. penale).

Curioso interprete di un cristianesimo dell'innamoramento, esercita il suo sacerdozio nelle vesti inedite di scrittore, di giornalista (è editorialista di Avvenire) e di maratoneta. Ragione per cui – all'infuori delle sbarre del carcere – è quasi impossibile non trovarlo in viaggio per conto di Lui. Pur consapevole che la strada che Dio gli sta tracciando sarà ben lungi dai Sacri Palazzi, ha scelto in anticipo quello che potrebbe essere l'incipit della sua prima enciclica: «Ho odiato ogni minuto di allenamento ma mi dicevo: non rinunciare. Soffri ora e vivi il resto della vita da campione» (Cassius Marcellus Clay).

Custode di una personalità dalla difficile interpretazione e gestione, tutto trova luce e ragione nel suo essere sacerdote innamorato della sfida che Dio ha posto sulle sue spalle.

http://www.sullastradadiemmaus.it/




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?