banner header
Log in

L'accusa è solenne: incidente premeditato

Sabato della VII settimana di Pasqua

Giovanni 21,20-25

In quel tempo, Pietro si voltò e vide che li seguiva quel discepolo che Gesù amava, colui che nella cena si era chinato sul suo petto e gli aveva domandato: «Signore, chi è che ti tradisce?». Pietro dunque, come lo vide, disse a Gesù: «Signore, che cosa sarà di lui?». Gesù gli rispose: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa? Tu seguimi». Si diffuse perciò tra i fratelli la voce che quel discepolo non sarebbe morto. Gesù però non gli aveva detto che non sarebbe morto, ma: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa?».

Questi è il discepolo che testimonia queste cose e le ha scritte, e noi sappiamo che la sua testimonianza è vera. Vi sono ancora molte altre cose compiute da Gesù che, se fossero scritte una per una, penso che il mondo stesso non basterebbe a contenere i libri che si dovrebbero scrivere.

La scena era divina, certamente maestosa: pure po’ buffa. Gli apostoli se ne stavano lì, appena fuori Betania, appollaiati con il naso all’insù in silenzio. Un po’ stupiti e smarriti, un po’ contenti e un po’ preoccupati, un po’ esterrefatti e un po’ rammaricati. Pareva che il tempo fosse indeciso se continuare a scorrere o meno. Tante volte penso che se non fossero apparsi quei due uomini in bianche vesti, oggi, forse, li ritroveremmo ancor lì, col naso all’insù. Me li sono immaginati mentre tornavano al cenacolo, verso Gerusalemme, verso l’inizio e il tramonto di un sogno chiuso per sempre. A nascondersi “per timore dei Giudei”. E magari, passo dopo passo, si saran pure chiesti: “E adesso cosa accade? Che cosa facciamo?” Qualcuno, in bilico tra l’avvilimento e l’offesa, potrebbe aver reagito: “Ma non poteva stare con noi? Perché se né andato? Perché ci ha lasciati soli?” Nelle onde del Vangelo mi pareva di sentire Pietro, uomo concreto e amante fragile, prendere la parola per ultimo e, spiazzando un po’ tutti, acciuffare di petto la questione. Magari dicendo:”Poche storie. Tocca a noi. Se n’è andato altrimenti non ci saremmo mai rimboccati le maniche”. Così, navigando tristi verso la città del Tempio, sentivano albeggiare solo tre possibilità all’orizzonte. O rimanere con il naso all’insù per tutta la vita. O ammirare le gesta del Maestro di Nazareth come si fa nei grandi musei – un ricordo che fa solo del male perché continua a ricordarti la mancanza -. Oppure la più difficile: passare all’imitazione. Chissà quanta gente a Gerusalemme – ma quante Gerusalemme sono segnalate oggi nelle nostre mappe dell’anima – finalmente sembrava sospirare. Tornare a vivere. A sorridere e sbandare. Nessuno si aspettava più nulla da quegli individui. Un gruppo insignificante, decapitato: morto il capo, poca vita alla ciurma. Il potere era riuscito a riportare l’ordine. Secondo loro. La situazione era tornata normale dopo gli sconquassamenti perpetrati da quel guastafeste della Galilea. E dal suo manipolo di straccioni. Secondo loro. Il calendario delle feste tornava a srotolarsi come tre anni prima. Secondo loro. La lezione della Croce doveva servire da ricordo qualora qualcuno nutrisse ancora idee alquanto bizzarre. Secondo loro. A volte capita pure a noi, come agli uomini della Galilea, di fare dei conti sbagliati: calcoli per filo e per segno. Addizioni, sottrai e moltiplichi. Dividi, aggiungi e separi. Ma quando ti presenti alla cassa, sullo scontrino campeggia un prezzo diverso. Che ti spiazza, ti delude, ti lascia sbigottito. Al supermercato. Dal macellaio. In panificio. Nella vita.

Perché a Betania, di ritorno da quella scalata vertiginosa verso il cielo, non era ancora tutto spento completamente. Stava nascendo un po’ di nostalgia. Ma non quella che ti fa buttare a letto in lacrime gridando sommesso: “Non sarà più come prima!”, ma quella nostalgia che ti spinge a ridipingere la presenza dell’Amore dentro le pieghe della tua fragile storia. Di donna. Di bambino. Che ti spinge ad essere migliore: con più grinta. Con più volontà. Con maggior convinzione.

Peccato non avessero messo in conto – discepoli, avversari e studiosi – il dono dello Spirito Santo (liturgia della Solennità della Pentecoste). C’è un inno i cui rintocchi fanno vibrare il cuore: “Manda il tuo Spirito, Signore, a rinnovare la faccia della terra”. Rinnovare la faccia: cioè togliere le rughe, pulire i lineamenti, far splendere la bellezza originale. Il vangelo è meraviglioso nei suoi rintocchi, tremendo nei suoi richiami, fantastico nella sua precisione. L’avventura di Gesù inizia con uno sbaglio: lo sbaglio di Erode. Imbastisce un censimento, una farsa, una presunzione. Vuole contare, schedare, rendere schiavi. Ma a censimento concluso i conti non tornano: il censimento è sbagliato. “Come mai?” – si chiese Cesare con il piglio del dittatore -. “Strano, o Signore, – gli avran risposto i suoi chierichetti – il censimento fu perfetto”. “Strano – sussurra Cesare – eppure i conti non tornano. Qualcuno non è stato contato”. E quell’Uno che non aveva contato, gli gioca uno scherzo fatale: si fa uomo. Alla fine dell’avventura terrena di Gesù altro scherzo appare sulla storia: li pensano vinti, schiacciati, umiliati. Stanno già brindando quando s’accorgono di non aver calcolato l’ultimo personaggio: lo Spirito Santo. Rimangono sbigottiti. Non è quello che si aspettava. C’è un “fuori programma” che fa saltare tutto il programma. Un’immagine di Chiesa tutta celeste: non invitata, coglie tutti di sorpresa. Impreparati. E’ difficile rendersi conto di quello che sta succedendo, impossibile prevedere le conseguenze. Anche perché quell’azione da manuale ha tutta l’aria della serietà, non è una semplice mattità giovanile. Non ha alcune intenzione di “rientrare”. E’ una Chiesa che nemmeno lei sa cosa dire: s’inventa all’istante: spunta nel momento impensabile, si comporta in maniera insolita, fa proposte fuori dall’abituale. E’ una chiesa che mette in imbarazzo, turba e scuote. La Pentecoste: ovvero la cronaca di un incidente “non annunciato”. E dall’incidente non estraggono un cadavere annerito di chiesa. Tutt’altro. Dalle macerie causate dallo scontro con lo Spirito Celeste nasce la Chiesa che non t’aspetteresti: una chiesa che si fa capire, una chiesa inspiegabile, incontrollabile. Una chiesa che, se fosse sempre quella, ti lascerebbe una domanda: “Ma cosa sta succedendo?”.

Una Chiesa preoccupata delle cose di Dio, zelante nelle cose degli uomini: è la chiesa degli apostoli. Intrattabile, irregolare, inquietante. Critica, minacciosa, ingombrante. Rischiosa, non scontata, imprevedibile. Inafferrabile, inimmaginabile, inaspettata. Impensata, inattesa, fastidiosa. Sfuggente, impensabile, imprevedibile. Inopinabile, improvvisa, incontrollabile. Indomabile, fortissima, travolgente. Impetuosa, appassionante, irresistibile. Innamorata e indomita. Ieri. Ma anche domani. Già oggi, ad essere sinceri.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (http://www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilDomenica, 08 Giugno 2014 00:29
  • Citazione: Gv 14,15-21
Don Marco Pozza

Creativo e poliedrico, don Marco Pozza nasce il 21 dicembre 1979 a Calvene (VI) e diventa sacerdote il 6 giugno 2004. Dopo aver dedicato i primi tre anni del suo sacerdozio come vice-parroco in un quartiere alle porte di Padova, ha intrapreso gli studi per conseguire il Dottorato in Teologia Fondamentale presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma: dal 17 settembre 2011 è Cappellano della Casa di Reclusione di Padova (sez. penale).

Curioso interprete di un cristianesimo dell'innamoramento, esercita il suo sacerdozio nelle vesti inedite di scrittore, di giornalista (è editorialista di Avvenire) e di maratoneta. Ragione per cui – all'infuori delle sbarre del carcere – è quasi impossibile non trovarlo in viaggio per conto di Lui. Pur consapevole che la strada che Dio gli sta tracciando sarà ben lungi dai Sacri Palazzi, ha scelto in anticipo quello che potrebbe essere l'incipit della sua prima enciclica: «Ho odiato ogni minuto di allenamento ma mi dicevo: non rinunciare. Soffri ora e vivi il resto della vita da campione» (Cassius Marcellus Clay).

Custode di una personalità dalla difficile interpretazione e gestione, tutto trova luce e ragione nel suo essere sacerdote innamorato della sfida che Dio ha posto sulle sue spalle.

http://www.sullastradadiemmaus.it/




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?