banner header
Log in

Pregate incessantemente

Sento a volte dire “Non ho tempo di pregare”.

Quasi che la preghiera sia una delle cose da fare nella nostra vita piena di cose da fare. Appuntamenti, impegni, scadenze scandiscono le nostre giornate togliendoci il fiato e a volte la serenità. Ci troviamo a fare la guerra coi minuti, a fare il gioco degli incastri per farci stare tutto, perché domani è un altro giorno e ci saranno… altre cose da fare. Allora proviamo a ritagliarci quella manciata di minuti per prendere in mano la Scrittura o pregare un salmo, e magari ci addormentiamo con il libro in mano o con la coroncina del rosario tra le dita. E ci svegliamo insoddisfatti, o forse con un senso di colpa. (…Quasi che Dio fosse lì, orologio alla mano, pronto ad annotare. Burocrazia. A questo abbiamo ridotto il nostro rapporto con Dio!)

E allora ci rinunciamo, e ci scusiamo: “non ho tempo”.

Non dire “Non ho tempo di pregare”.

La tua vita è preghiera, il tuo lavoro è preghiera. Il tuo fare le faccende domestiche è preghiera, il tuo studiare è preghiera. Il tuo spenderti per prenderti cura della tua famiglia, il tuo stare in silenzio accanto a una persona bisognosa di conforto, il tuo sorridere e ridere e piangere. Le tue mani callose. i tuoi piedi stanchi.

Tutto può essere canto di lode all’Altissimo, e invocazione e grido e richiesta di perdono.

Mia madre si alza al mattino e fa il segno della croce, si corica la sera e fa il segno della croce. La sua giornata diventa una lunga preghiera compresa tra due segni di croce. La sua vita è un “Amen”.

Pregare è vivere. Vivere è pregare.

Per questo l’apostolo può dire “Pregate incessantemente.”

Pregate incessantemente. Possibile? No se la preghiera è riempire Dio di parole (spesso vuote). Sì, se la preghiera è vita.

Se la tua vita diventa cassa di risonanza dell’Amore, se ogni tuo gesto è animato da quell’Amore,  allora essa diventa preghiera.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Irene Tonolo

Sono insegnante di Religione nella scuola superiore, con una lunga esperienza nell'animazione dei giovani e giovanissimi, esperienza che ho tralasciato per dedicarmi alla famiglia (sono moglie e madre), ma che mi ha segnato profondamente e mi guida ancora oggi nel mio lavoro.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?