banner header
Log in

Gesù e Pietro: due miracoli a confronto

Il libro degli Atti degli apostoli è stato scritto dallo stesso autore del Vangelo di Luca. Al capitolo 9,32-43 vengono presentati due miracoli di Pietro che hanno un profondo significato in quanto rispecchiano l’agire di Gesù! Proviamo ad analizzarli insieme.

GESU' (Luca 5,17-26)

“Un giorno sedeva insegnando. Sedevano là anche farisei e dottori della legge, venuti da ogni villaggio della Galilea, della Giudea e da Gerusalemme. E la potenza del Signore gli faceva operare guarigioni. Ed ecco alcuni uomini, portando sopra un letto un paralitico, cercavano di farlo passare e metterlo davanti a lui. Non trovando da qual parte introdurlo a causa della folla, salirono sul tetto e lo calarono attraverso le tegole con il lettuccio davanti a Gesù, nel mezzo della stanza. Veduta la loro fede, disse: «Uomo, i tuoi peccati ti sono rimessi». Gli scribi e i farisei cominciarono a discutere dicendo: «Chi è costui che pronuncia bestemmie? Chi può rimettere i peccati, se non Dio soltanto?». Ma Gesù, conosciuti i loro ragionamenti, rispose: «Che cosa andate ragionando nei vostri cuori? Che cosa è più facile, dire: Ti sono rimessi i tuoi peccati, o dire: Alzati e cammina? Ora, perché sappiate che il Figlio dell'uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati: io ti dico - esclamò rivolto al paralitico - alzati, prendi il tuo lettuccio e va' a casa tua». Subito egli si alzò davanti a loro, prese il lettuccio su cui era disteso e si avviò verso casa glorificando Dio. Tutti rimasero stupiti e levavano lode a Dio; pieni di timore dicevano: «Oggi abbiamo visto cose prodigiose»”.

Un miracolo incredibile che Luca descrive in modo magistrale! Sembra di essere li e vedere la scena.. Pietro avrà visto questa scena e incredibilmente si trova a viverne una simile!! Leggete:

PIETRO (Atti 9, 32-35)

“E avvenne che mentre Pietro andava a far visita a tutti, si recò anche dai fedeli che dimoravano a Lidda. Qui trovò un uomo di nome Enea, che da otto anni giaceva su un lettuccio ed era width. Pietro gli disse: «Enea, Gesù Cristo ti guarisce; alzati e rifatti il letto». E subito si alzò. Lo videro tutti gli abitanti di Lidda e del Saròn e si convertirono al Signore”

Dunque Pietro ripete un gesto visto fatto da Gesù! Pietro è stato trasformato dalla Pentecoste e lo Spirito di Gesù risorto agisce in lui. Per capire quanto questo è presente e forte nella sua vita leggete il secondo miracolo che nel libro degli Atti è descritto immediatamente dopo!!!

GESU' (Marco 5,38-42)

“Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava. Entrato, disse loro: «Perché fate tanto strepito e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». Ed essi lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della fanciulla e quelli che erano con lui, ed entrò dove era la bambina. Presa la mano della bambina, le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico, alzati!». Subito la fanciulla si alzò e si mise a camminare; aveva dodici anni. Essi furono presi da grande stupore”

Pietro deve aver visto questo miracolo e deve avergli segnato il cuore! Una fanciulla che torna in vita!! Quelle parole: “Talità Kum” chissà quante volte le avrà ripetute con gli occhi sgranati dallo stupore. Ora Pietro si trova a vivere qualcosa di simile e il ricordo del prodigio del Maestro e Amico deve essergli risuonato dentro.

PIETRO (Atti 9, 36-42)

“A Giaffa c'era una discepola chiamata Tabità, nome che significa «Gazzella», la quale abbondava in opere buone e faceva molte elemosine. Proprio in quei giorni si ammalò e morì. La lavarono e la deposero in una stanza al piano superiore. E poiché Lidda era vicina a Giaffa i discepoli, udito che Pietro si trovava là, mandarono due uomini ad invitarlo: «Vieni subito da noi!». E Pietro subito andò con loro. Appena arrivato lo condussero al piano superiore e gli si fecero incontro tutte le vedove in pianto che gli mostravano le tuniche e i mantelli che Gazzella confezionava quando era fra loro. Pietro fece uscire tutti e si inginocchiò a pregare; poi rivolto alla salma disse: «Tabità, alzati!». Ed essa aprì gli occhi, vide Pietro e si mise a sedere. Egli le diede la mano e la fece alzare, poi chiamò i credenti e le vedove, e la presentò loro viva. La cosa si riseppe in tutta Giaffa, e molti credettero nel Signore”

Visto? Pietro dice: “Tabità, alzati!” ovvero: “Tabità Kum”. Pietro fa un miracolo quasi speculare a quellod i Gesù!

Riepilogando abbiamo Gesù che guarisce un paralizzato e una fanciulla morta a cui dice: “talità Kum” e abbiamo Pietro che guarisce un paralizzato e una donna morta a cui dice: “tabità kum”.

Questa somiglianza è bellissima soprattutto letta alla luce della storia dell’apostolo di Cafarnao. Pietro infatti è passato per l’entusiasmo nel seguire Gesù, la gioia del sentirsi importante dopo aver affermato l’identità di Gesù (Mt 16,18), l’imbarazzo di essere stato chiamato Satana (Mc 8,33), l’amarezza dell’aver rinnegato Gesù (Mc 14,68), la speranza della risurrezione (Gv 20,18), il cuore pieno di gioia con la conferma sul lago (Gv 21, 15 ss) e ora con questi miracoli la conferma che lo Spirito di Gesù è in lui!!!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato. 

Ultima modifica ilMercoledì, 23 Aprile 2014 00:25
Daniele Picconi

Daniele Picconi, 32 anni, lavoro a Treviso come professore di religione, baccellerato ad Assisi, sposato con Valeria Bernardi, amo credere che il mondo possa cambiare partendo dalla mia conversione.

Altro in questa categoria: « Auguri da Chicco! Metti la frecciaaaa »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?