banner header
Log in

Separati

E così stamattina ti è arrivata la lettera dell'avvocato. È assurdo, veramente assurdo. Ti sembrerà di vivere un film, invece è la realtà, è la tua vita!

Ancora mi chiedo come è possibile che siate arrivati a questo punto. Ma forse non lo sai nemmeno tu, non lo sa lui... quando il risentimento entra dentro, lavora in silenzio ed erode piano tutto ciò che trova, fino a far dimenticare ciò che c'era prima.

Ora vi trovate a farvi la guerra. A distruggere pezzo per pezzo quello che avevate costruito. È più facile distruggere che costruire. Ma tu puoi scegliere diversamente.

So che vuoi rifarti una famiglia. Te lo auguro con tutto il cuore! Il tuo desiderio è importante perché vuol dire che anche di fronte a un dramma come quello che stai vivendo continui a credere nei tuoi sogni, a credere nell'amore e questo ti fa onore. Ma devi essere sciolta da questo legame. Parla con chi ti può aiutare davvero. Ti dirà se c'è la possibilità che il sacramento che avete celebrato in realtà non sia mai stato celebrato. Ti dirà non se "può essere annullato", ma se "è di fatto nullo", se non c'è mai stato!

La Chiesa ti sia madre e maestra. Madre, capace di accogliere e perdonare, insegnandoti a vivere il perdono che Cristo ha consegnato ai suoi e che ci fa come Dio, il perdono che ha come metro di misura il cuore stesso di Dio: «Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette» (Matteo 18,21-22). Maestra, capace di indicarti la Via, insegnandoti quella Parola, che può sembrare dura (invece è il nostro cuore ad essere duro), ma che dice soltanto il meraviglioso progetto d'amore che Dio ha sull'uomo e sulla donna: «È lecito ad un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?». Ed egli rispose: «Non avete letto che il Creatore da principio li creò maschio e femmina e disse: Per questo l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una carne sola? Così che non sono più due, ma una carne sola. Quello dunque che Dio ha congiunto, l'uomo non lo separi». (Matteo 19, 3-6).

Non aver paura, non sei dimenticata da Dio, non sei dimenticata dalla Chiesa. Non ti allontanare da essa, non ti allontanare da Lui. Se posso dirti una cosa, sottovoce... penso che l'uomo che hai sposato ti abbia portato via già abbastanza, i tuoi sogni, la fiducia in te stessa e in chi ti sta accanto, tutte cose che stai a fatica ricostruendo... Non lasciare che ti porti via anche la tua fede e il tuo cammino spirituale. Prega, e cammina! Nella Chiesa ti auguro di trovare persone capaci di testimoniare quell'amore vero e disinteressato di cui parla Paolo nella lettera ai Corinzi. Troverai sicuramente anche qualcuno che ti giudicherà e forse vorrà chiuderti le porte in faccia, ma tu sta' serena. Se c'è del marcio nella Chiesa (che copre il molto bene che c'è), è proprio questo che permette anche a me e a te di farne parte, perché siamo esseri umani con le nostre fragilità, i nostri limiti, i nostri errori. In una Chiesa perfetta non ci sarebbe posto per nessuno, né per te... né per me!
E se potrai tornare un giorno davanti all'altare, loda Dio che - come diceva padre Pino Puglisi - sa scrivere dritto su righe storte, sa rendere nuovo e bello ciò che con le nostre mani abbiamo rovinato. Sarà forse frutto di una scelta difficile, sicuramente sofferta, ma possibile se condivisa con chi ami. Ti abbraccio forte!

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilLunedì, 13 Ottobre 2014 23:43
Irene Tonolo

Sono insegnante di Religione nella scuola superiore, con una lunga esperienza nell'animazione dei giovani e giovanissimi, esperienza che ho tralasciato per dedicarmi alla famiglia (sono moglie e madre), ma che mi ha segnato profondamente e mi guida ancora oggi nel mio lavoro.

Altro in questa categoria: « Come il giovane ricco Basta, Signore! »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?