banner header
Log in

Su ali d'aquila

Nella vita ci sono momenti in cui ti senti precipitare dentro un fosso e sperimenti dentro di te l’impotenza. In quelle circostanze gridando a Dio puoi fare esperienza del suo grande amore per te! Egli infatti ti verrà in soccorso con “ali d’aquila” e ti solleverà fin dove Lui vuole. Le ali d’aquila sono un’immagine per dire l’attenzione di Dio verso di noi. Per chi ne ha fatto esperienza sa bene che l’aiuto di Dio può arrivare in diversi modi. In effetti c’è chi racconta di aver sentito interiormente la presenza di Dio e chi di aver avuto un aiuto tramite persone.

Schematizzare le “ali d’aquila” ovvero l’aiuto di Dio nella tua difficoltà è impossibile. Perché? Perché Dio non è schematizzabile..

La cosa molto bella è che Lui agisce e non ti lascia nella fossa della morte, forse nella tua vita ha agito, ti ha sollevato ma non ti sei reso conto che era Lui. Quante volte le persone incontrano fratelli che asciugano le loro lacrime? Quante volte si incontrano persone disposte a rinunciare a qualcosa per aiutarti? Quante volte le persone si sento a pezzi e pur tuttavia sperimentano una forza nell’andare avanti che non è da  loro?

I precipizi della vita sono molti e per chi non ha fede sono veramente duri da affrontare. Il precipizio finale ovvero la morte incute più timore di tutti e chi non ha fede sente la paura e l’angoscia del grande salto. Le cose accumulate nella vita sembrano inutili di fronte al grande salto e tutto sembra perdere senso. Per chi crede invece, l’esperienze di salvezza in cui Dio è intervenuto pian piano aumentano la fiducia che in quel salto ci saranno “ali d’aquila” a sorreggere.

La vita che viviamo, i “si” o i “no” a Dio che diciamo hanno un peso dentro di noi e generano o Fede o Paura.

Se non hai mai sperimentato le “ali d’aquila”:

  1. prova a ripensare al passato e a chi ti è stato vicino e domandati se forse li era presente Dio.
  2. Se oggi ti trovi in difficoltà chiedi a Dio di starti vicino
  3. Se nella difficoltà non hai avuto ciò che desideravi da Dio.. mi dispiace! Ho profondo rispetto per la tua sofferenza. Tuttavia i progetti di Dio sono più alti dei miei e dei tuoi e sono progetti di salvezza dell’anima. Fidiamoci insieme.

E’ bello contemplare l’amore di Dio nella sua Parola (Sal. 91):

“1 Chi abita al riparo dell'Altissimo
passerà la notte all'ombra dell'Onnipotente.

2 Io dico al Signore: «Mio rifugio e mia fortezza,
mio Dio in cui confido».

3 Egli ti libererà dal laccio del cacciatore,
dalla peste che distrugge.

4 Ti coprirà con le sue penne,
sotto le sue ali troverai rifugio;
la sua fedeltà ti sarà scudo e corazza.

5 Non temerai il terrore della notte
né la freccia che vola di giorno,

6 la peste che vaga nelle tenebre,
lo sterminio che devasta a mezzogiorno.

7 Mille cadranno al tuo fianco
e diecimila alla tua destra,
ma nulla ti potrà colpire.

8 Basterà che tu apra gli occhi
e vedrai la ricompensa dei malvagi!

9 Sì, mio rifugio sei tu, o Signore!.
Tu hai fatto dell'Altissimo la tua dimora:

10 non ti potrà colpire la sventura,
nessun colpo cadrà sulla tua tenda.

11 Egli per te darà ordine ai suoi angeli
di custodirti in tutte le tue vie.

12 Sulle mani essi ti porteranno,
perché il tuo piede non inciampi nella pietra.

13 Calpesterai leoni e vipere,
schiaccerai leoncelli e draghi.

14 »Lo libererò, perché a me si è legato,
lo porrò al sicuro, perché ha conosciuto il mio nome.

15 Mi invocherà e io gli darò risposta;
nell'angoscia io sarò con lui,
lo libererò e lo renderò glorioso.

16 Lo sazierò di lunghi giorni
e gli farò vedere la mia salvezza.”

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilMercoledì, 02 Luglio 2014 08:59
Daniele Picconi

Daniele Picconi, 32 anni, lavoro a Treviso come professore di religione, baccellerato ad Assisi, sposato con Valeria Bernardi, amo credere che il mondo possa cambiare partendo dalla mia conversione.

Altro in questa categoria: « Tu va avanti Vita o morte in un dito »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?