banner header
Log in

'D'… come DONO

Sembra una parola difficile anche da pronunciare, tant’è che sempre più spesso viene sostituita da apparenti sinonimi. Non è strana questa difficoltà. Dono è ciò che non è dovuto: ha a che fare con la gratuità, con il dare liberamente e in modo sovrabbondante, senza calcoli di contraccambio.

Come parlare di dono là dove il criterio che regola tutto è quello dell’utile? Dove tutti i rapporti rischiano di essere letti in chiave di interesse non c’è dono. Al massimo ci sono omaggi promozionali, gadget.

'B'… come BELLEZZA

Prodotti di bellezza, saloni di bellezza (beauty center!), cura di bellezza … non si può certo dire che sia parola poco pronunciata. Poche epoche hanno conosciuto come la nostra una così diffusa preoccupazione per la cura del corpo e del suo aspetto. E conseguentemente un massiccio e generalizzato investimento di risorse: i tempi e le cifre di spesa sono da capogiro. Ma guardandosi attorno si ha la sensazione che non siano cresciuti di pari passo la sensibilità estetica e “il buon gusto”.

Siamo poi soggetti ad un’altra distorsione: è convinzione condivisa – benché spesso soltanto implicita – che non esista una bellezza oggettiva, ma solo la corrispondenza con il gusto personale: bello significa di fatto “ciò che piace a me in questo momento” (o peggio, ciò che è conforme alla moda del momento) e così siamo sempre più imprigionati nel soggettivismo e condizionati dalle leggi del mercato.

Il coraggio della libertà

Siamo davvero strani! Ammettiamolo! Aspiriamo con tutte le nostre forze ad essere liberi e nel momento in cui riceviamo questo dono puntualmente lo rifiutiamo! Difronte alla libertà l’uomo sembra essere preso da una paura istintiva.

In genere, si pensa che essere liberi sia così facile ma se siamo sinceri con noi stessi dobbiamo riconoscere che quando si tratta di decidere liberamente, si sente il peso della decisione… la libertà diventa un fardello. Minaccia la sicurezza di un’esistenza ben regolata, abbiamo paura di rimettere tutto in discussione!

Quando l’uomo esercita davvero il dono della libertà, si trova difronte a problemi di gravità estrema… comincia ad aver paura e ha fretta di disfarsi della libertà e di consegnarla nelle mani più esperte e più accorte delle autorità civili o religiose, magari, rendendosi schiavo dell’autorità di turno!

Sottoscrivi questo feed RSS

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?