banner header
Log in

Gesù non è nato l'anno 0.

nascita1

Studio archeologico-astronomico sull'anno 0

Gesù è nato prima di quanto generalmente si pensi.

Iniziamo con il dire che ciò che leggerete potete trovarlo nei testi di Insegnamento Religione Cattolica (in versione estesa) e in ogni Bibbia recente nella tavola cronologica (in versione numerica semplificata).

Questo articolo si dividerà in 5 parti:

  1. L’anno 0
  2. Perché non può essere nato l’anno 0
  3. Quando è nato? Informazioni secondo il vangelo di Luca
  4. Quando è nato? Informazioni secondo fenomeni astronomici
  5. Conclusioni

Iniziamo

1) L’anno 0

Nel momento in cui esce questo articolo nel calendario leggete: 25 Dicembre 2013. Cioè siamo 2013 anni dopo la nascita di Gesù Cristo. “Il calcolo dell’anno 0 è dovuto a un monaco del 6° secolo dopo Cristo di nome Dionigi il piccolo[1]”.

2) Perché non può essere l'anno 0

Leggendo i vangeli notiamo che Gesù Cristo nacque sotto il regno del re Erode il grande. Il re Erode il grande è lo stesso che nel vangelo cercherà di uccidere Gesù e ordinerà la strage degli innocenti. “Il re Erode il grande però muore il 4 a.C. (avanti Cristo)[2]”. Quindi il re Erode il grande è morto prima della nascita ipotizzata da Dionigi il piccolo!! Di conseguenza Gesù non può essere nato l’anno 0!! Semplice no?

Riepilogo perché è importante:                                           

se Gesù è nato sotto il regno di re Erode il Grande e quest’ultimo è morto il 4 a.C., allora Gesù deve essere nato prima del 4 a.C. e al massimo il 4 a.C.!

3) Quando è nato? Informazioni secondo il vangelo di Luca

Prendiamo come riferimento Lc 2, 1-7:

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nazaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

Alcune informazioni:                                                         

  1. “Quirinio fu legato della Siria dal 6-9 d.C.
  2. Augusto non risulta che abbia mai ordinato un censimento globale di tutto l’impero
  3. Lo storico ebreo Giuseppe Flavio parla di un censimento per le tasse che scatenò la rivolta guidata da Giuda il galileo (6-7 d.C.)
  4. Sempre Giuseppe Flavio ci dice che Erode come diretto rappresentante di Cesare Augusto in Galilea chiese a tutti i sudditi un giuramento di fedeltà all’imperatore e non è da escludere che il censimento citato da Luca si riferisca a questa dichiarazione sotto forma di giuramento che si sarebbe verificata tra il 6-7 a.C.
  5. L’anno precedente Augusto aveva ordinato un censimento di tutti i cittadini romani (iscrizione Monumentum Ancyranum) ritrovato in Ankara, in Turchia.
  6. Tertulliano che scrive nei primi anni del 200 ci dice che il censimento sotto Augusto non fu fatto da Quirinio bensì da Senzio Saturnino il quale fu legato in Siria tra il 7-9 a.C.
  7. Saturnino partendo per una campagna militare sia stato sostituito da Quirino (per un breve periodo) il quale ricopriva cariche importanti già in Asia minore e nord Africa.
  8. Scuola di Madrid: ci sarebbe un errore di traduzione! Non: “Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio…” bensì: “questo censimento fu fatto prima che Quirino diventò..”

 

Dunque in Siria abbiamo prima Saturnino tra il 7-9 a.C e poi Quirino tra il 6-9 d.C.

E’ probabile che Luca abbia sintetizzato in un unico diversi censimenti di Augusto per dimostrare che stava per nascere il messia dell’umanità intera!!

4)Quando è nato? Informazioni secondo fenomeni astronomici

Nel vangelo di Matteo (2,2) i magi domandano a Erode:

“Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo”.

La stella in questione è stata oggetto di studio e vi sono diverse possibilità anche se una sembra prevalere sulle altre!

La soluzione di Keplero: nel 1604 lo studioso si accorse che nel 7 a.C vi fu una triplice congiunzione di Giove-Saturno!! Questa congiunzione è molto rara e avviene ogni 805 anni!! I magi osservando il cielo associarono a ogni pianeta dei significati:

Giove: suggeriva la nascita di un grande re

Saturno: pianeta spesso associato al popolo ebraico

Dunque i magi da questa congiunzione avevano un’informazione preziosa: “un grande re stava per nascere nel popolo degli ebrei!”. Reperti archeologici come: un papiro (oggi a Berlino) e una tavoletta di argilla di Sippar (nord Babilonia) ci tano la spettacolare congiunzione giove-saturno nell’anno 7 a.C.

La cometa di Halley: considerando che questa cometa passa ogni 77 anni, passò il 12 a.C. Data troppo lontana rispetto ai censimenti.

La stella-scopa: Ovvero una cometa, è stata avvistata e registrata negli annali degli astronomi cinesi nel 5 a.C. Tuttavia questa ipotesi è da scartare perché le comete nell’antichità erano considerate presagi di sventura e sempre associati ad eventi negativi!

La stella-cespuglio:Po-hsing è il suo nome coreano dove è stata avvista nella costellazione dell’Aquila il 4 a.C. e registrata. Sarebbe un’esplosione stellare che rilascia una nebulosa di gas, formando per un periodo di tempo limitato un oggetto molto luminoso nel cielo.

Sciame di meteore: Ipotesi di Patrick Moore. Uno sciame di meteore è possibile ma non databile[3]”.

5) Conclusioni

Gesù deve essere nato dal 4 a.C. in dietro e quindi non può essere nato l’anno 0. Due “censimenti” sono molto interessanti: quello di Saturnino (citato da Tertulliano) 7-9 a.C. e quello di Erode (sotto ordine di Augusto) 6-7 a.C.

A livello astronomico la congiunzione di giove - saturno si colloca il 7 a.C. !

Mettendo insieme i dati possiamo dire che Gesù è nato o il 6 o il 7 a.C. !!

Partendo da questo dato non siamo nel 2013 d.C. bensì 2019 0 2020 dopo Cristo.!! Logico no?? Se Gesù è nato 6-7 anni prima di quello che si pensava.. il nostro calendario va spostato di 6-7 anni. Per i più giovani.. non cambia nulla! Ognuno continua ad avere la sua stessa età. Semplicemente conosciamo meglio il Gesù storico e tutte le implicazioni nella sua vita da adulto! Perché non viene cambiato il calendario? Bisogna dire che abbiamo 6/7 e quindi non una data certa ma due date! Bisognerebbe fare due calendari ed è impossibile senza contare il fatto che molto del nostro sistema è fondato sul calcolo dell’anno 0.

                                                                                                                         

Una precisazione:

Vi sono molte altre teorie ma affrontarle in questo articolo diventava complesso.

Bibliografia:

Paolo Sartor- Matteo Fossati: Alza lo sguardo, Corso di Religione Cattolica per la scuola secondaria di primo grado, Piemme Scuola, 2013, pag. 75.

Verso la stella, percorsi operativi di religione cattolica,n.1, Marietti scuola, pag.17.

Roberto Giacobbo, Conosciamo davvero Gesù?, Mondadori, 2013. Nota: ho scelto il testo di Roberto Giacobbo in quanto spiega in modo semplice il tema. Giacobbo nella bibliografia del libro annovera i più grandi studiosi del tema come: Fabris, Sanders, Meier, Gnilka, Vermès, Ratzinger, Segalla, Messori, Dunn, Barbaglio, Brown e molti altri.

La Bibbia, via verità e vita, San Paolo, 2009.

 


[3] Cfr. Giacobbo, Conosciamo davvero Gesù? ,Pag.81-94.

Nota: ho scelto il testo di Roberto Giacobbo in quanto spiega in modo semplice il tema. Giacobbo nella bibliografia del libro annovera i più grandi studiosi del tema come: Fabris, Sanders, Meier, Gnilka, Vermès, Ratzinger, Segalla, Messori, Dunn, Barbaglio, Brown e molti altri.

 


[1] Cfr. Sartor, Alza lo sguardo, pag. 75.

[2] Cfr. ibidem,

 

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Daniele Picconi

Daniele Picconi, 32 anni, lavoro a Treviso come professore di religione, baccellerato ad Assisi, sposato con Valeria Bernardi, amo credere che il mondo possa cambiare partendo dalla mia conversione.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?