banner header
Log in

Giuda Maccabeo: Giuda contro Seron

onde 2

1-2 Maccabei commento

 

Introduzione

La storia di Mattatia e dei suoi figli tra i quali spicca la figura di Giuda Maccabeo non è molto conosciuta, eppure è descritta in due libri della Bibbia: 1-2 Maccabei. Il lavoro che leggerete si dividerà sempre in due parti: una descrizione degli eventi passati e una lettura spirituale per oggi.

Contesto Storico

Alessandro Magno (356-323 a.C.) nella sua vita conquistò grandissimi regni ma alla sua morte il suo vastissimo impero venne diviso e affidato ai suoi generali. La lotta tra le varie dinastie dei generali fa da sfondo a questi libri. Uno scontro per esempio è quello tra la dinastia dei Tolomei (in Egitto) e quella dei Selucidi (Mesopotamia, Siria ecc..). Fu con il sovrano della dinastia dei seleucidi Antioco IV epifane (Dio manifesto) che iniziò un processo di forte ellenizzazione ovvero un tentativo di trasformare i vari popoli in “stile greco”. Questa ellenizzazione aveva vari ambiti: culturale, religiosa e sociale. Quando la spinta per l’ellenizzazione divenne sempre più forte un gruppo di israeliti sotto la guida di Mattatia si ribellò e seguito da suo figlio Giuda ottennero l’indipendenza. La famiglia dei Maccabei regnò dal 164 al 37 a.C. ! Nel 37 a.C. ci sarà Erode il Grande, personaggio importante nella storia di Gesù (episodi della nascita). Giuda è detto Maccabeo, questo nome deriva dall’aramaico: MAQQABA’ che significa: “martello”, soprannome dato probabilmente per il suo valore militare.

 

Giuda contro Seron

 

(1 Mac 3, 13-26)

 

Ieri:                                                                                  

 

  1. Dopo la tremenda sconfitta di Apollonio, Seron comandante delle forze di Siria decise di farsi un nome sconfiggendo Giuda!
  2. Seron radunò un imponente contingente militare.
  3. Le forze in campo erano impari, l’esercito di Seron era molto più numeroso.
  4. Giuda confida in Dio sapendo che la vittoria in battaglia dipende dall’Onnipotente e ottiene una grande vittoria.

 

Oggi:

 

1. Senza tregua!! Nella vita dello Spirito, dopo una battaglia ce ne sarà sempre un’altra. Devi metterti bene in testa che la pace totale ce l’avrai solo quando sarai al cospetto di Dio. Il Nemico (Satana) non dorme MAI e continuamente è in guerra con chi cammina nella luce. Dopo la prima sconfitta il Nemico prepara un nuovo assalto come un’onda dopo l’altra.

 

2. A mano a mano che vinci le battaglie dello Spirito il Nemico ti presenterà eserciti nuovi, diversi, ovvero tentazioni sempre più sottili e nascoste! E’ il suo mestiere.. confezionare trappole mortali. Vivi pensando a questo: se oggi sono in pace.. è una tregua!

 

3. Se Dio non limitasse Satana, egli ti schiaccerebbe! La tentazione arriva sempre alla tua portata ma fa attenzione.. è alla tua portata solo se confidi in Dio!

 

4. La grandezza di Giuda sta proprio nel non mancare di fede! Giuda vede la minaccia terribile per se e soprattutto per il suo popolo ma non retrocede! Giuda sa che ogni uomo ha la vita da Dio e che l’Onnipotente può concedere ciò che vuole. Giuda conosce la debolezza del suo esercito come tu dovresti sapere che ancora non sei forte spiritualmente. Solo chi sa di essere debole può sperare di uscire vivo dalla guerra. L’uomo spavaldo e fiducioso dei suoi mezzi è il primo a cadere legato dal Nemico. Giuda non combatte mai solo per se! Nel suo cuore ci sono i piccoli, le donne, gli anziani, tutti gli uomini oppressi e la sua cara terra. Il valoroso guerriero vince perché di fronte alla sua debolezza confida con tutto il cuore in Dio!! Come disse Paolo: “Quando sono debole, allora sono forte!!” (San Paolo).   Finché sappiamo di essere deboli allora siamo vigilanti, quando ci sentiamo forti, sicuri, allora abbassiamo le difese e siamo molto più vulnerabili. Solo per tranquillizzare.. se doveste cadere in un peccato.. non è la fine! C’è la misericordia di Dio che ti farà rialzare (vedremo prossime puntate).

 

Giuda vince perché:

 

  1. Sa di essere più debole e confida in Dio
  2. Non combatte per la sua gloria ma per la sua fede e per il suo popolo!

 

E noi perché combattiamo? Senti il grido del popolo?

 

 

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Daniele Picconi

Daniele Picconi, 32 anni, lavoro a Treviso come professore di religione, baccellerato ad Assisi, sposato con Valeria Bernardi, amo credere che il mondo possa cambiare partendo dalla mia conversione.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?