banner header
Log in

Sei un grande Gesù! 9 Parte

Vita e storia di Gesù di Nazareth

Vari passi del Vangelo

Un episodio molto conosciuto della vita di Gesù è la cosiddetta “Cacciata dei mercanti dal tempio”. Sull’argomento sono stati scritti tantissimi libri e in questo articolo vorrei presentarvi alcuni aspetti e mostrare la grandezza di Gesù!

Per chi non conosce l’episodio possiamo dire semplicemente che Gesù, quasi sicuramente nell’ultimo periodo della sua vita, entrò nel tempio di Gerusalemme e rovesciò i banchi dei cambiavalute e dei venditori. Qualcuno potrebbe obiettarmi: “perchè quasi sicuramente??”.

Facciamo un passo per volta. L’episodio in questione viene presentato da:

  • Matteo al capitolo 21;
  • Marco al capitolo 11;
  • Luca al capitolo 19;
  • Giovanni al capitolo 2.

La cosa interessante è che Matteo, Marco e Luca (Vangeli Sinottici) ci dicono che l’episodio in questione è avvenuto poco prima della morte di Gesù mentre Giovanni presenta l’episodio all’inizio della sua missione!! Chi ha ragione? Coloro che sostengono l’inesistenza di Gesù utilizzano anche questo confronto per dire che i vangeli sono delle invenzioni!

La risposta è molto semplice: Giovanni ha scelto di inserire un episodio accaduto alla fine della vita, all’inizio per portare un messaggio. Mi spiego meglio. Quando volete creare un album fotografico avete diverse foto che rappresentano frammenti di vita giusto? Può capitare che decidiate di mettere una foto che rappresenta eventi posteriori prima di altre? Se voglio fare un album matrimoniale posso decidere di mettere una foto degli sposi in copertina e poi, all’interno, il loro percorso di vita per arrivare al fatidico “si”. Chiaramente la foto di copertina è posteriore alle foto interne ma è in quella posizione per dare senso a ciò che viene dopo.

Dunque è quasi certo che l’evento della “cacciata dei venditori dal tempio” sia avvenuto negli ultimi giorni di vita di Gesù!

Possiamo dare una data?

La data della morte di Gesù è quasi sicuramente il 7 aprile del 30 [1], quindi ci troviamo nella prossimità di quei giorni! Gesù dovrebbe avere tra i 36-37 anni, in quanto la data di nascita è tra il 6/7 a.C. (vedi: Gesù non è nato l’anno 0). Gesù entra nel tempio e inizia a rovesciare i banchi!!

Perché??

Al tempo di Gesù gli ebrei possedevano monete aventi immagini che non potevano essere utilizzate per fare i sacrifici [2]. I cambiavalute svolgevano un compito fondamentale ovvero convertivano le monete con immagini nell’unica moneta senza immagini: “il siclo di Tiro”. Il lavoro di questi cambiavalute quindi era giusto!! Il problema è che svolgevano questo lavoro nella parte sbagliata! I vari venditori di animali e i cambiavalute infatti avevano occupato la zona del tempio chiamata: “il cortile dei gentili”.

“Nell'anno 20-19 a.C., il re Erode diede inizio a grandi lavori di rinnovamento, quasi di ristrutturazione, del tempio di Gerusalemme, il secondo, quello che era stato costruito dopo l’esilio. Oltre alle aree riservate ai membri del popolo di Israele (uomini, donne, sacerdoti), in questo tempio vi era uno spazio nel quale tutti potevano entrare, giudei e non giudei, circoncisi e incirconcisi, membri o no del popolo eletto, persone educate alla Legge e persone che non lo erano. Qui si radunavano rabbini e maestri della Legge disposti ad ascoltare le domande della gente su Dio, e a rispondere in uno scambio rispettoso e misericordioso. Questo era il cortile dei gentili o pagani, in latino l’atrium gentium, uno spazio che tutti potevano attraversare e nel quale potevano permanere, senza distinzioni di cultura, lingua o professione religiosa, un luogo di incontro e di diversità [3]”.

Riepilogando possiamo dire che Gesù entra nel tempio e vede i venditori e cambiavalute fare cose “normali” (forse rubavano..) ma lo fanno nel posto sbagliato!! Queste persone avevano reso la casa di Dio un mercato e avevano tolto lo spazio ai non credenti!! A mio avviso questo aspetto è importantissimo! Israele è chiamata ad essere “Luce delle nazioni” essere cioè un faro per tutto il mondo! I ‘non ebrei’ vedendo la grandezza di Yhwh risplendere nel suo popolo si sarebbero interrogati e si sarebbero avvicinati all’unico Dio!

Ora tutto questo stava venendo meno! Gesù vede la casa del Padre suo diventare un luogo di scambio e forse di furto e soprattutto vede la missione di Israele in pericolo! Vede che il luogo d’incontro tra le “genti” e Dio è calpestato.. violato.

Come si spiega la reazione di Gesù?

La parola che descrive la sua reazione è zelo:

 “Poiché lo zelo della tua casa mi divora, e gli oltraggi di chi ti oltraggia sono caduti su di me”(Sal 69)

“Il mio zelo ardente mi consuma, perché i miei nemici hanno dimenticato le tue parole”. (Sal 118)

“Così i suoi discepoli si ricordarono che stava scritto: "Lo zelo della tua casa mi divora". (Gv 2, 17)

Quest’azione compiuta da Gesù fu quasi sicuramente ciò che segnò la sua condanna a morte. Questo gesto così forte non poteva passare impunito agli occhi della classe sacerdotale che era preposta alla “gestione” del tempio.

Gesù sei un grande perché sapevi di essere in pericolo e nonostante tutto hai avuto a cuore la sorte di tutti coloro che sono lontani (i gentili) e la sorte del tuo popolo (missione di essere luce delle nazioni). Lo zelo per la casa di tuo Padre e l’amore per gli uomini di ogni religione ti ha portato a questo gesto che ha firmato la tua condanna a morte!


[1] Cfr. John .P. Meier, Un ebreo marginale, vol.1, 412.

[2] “Non ti farai idolo né immagine alcuna di quanto è lassù nel cielo, né di quanto è quaggiù sulla terra, né di quanto è nelle acque sotto terra” (Es. 20, 4)

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilMercoledì, 09 Aprile 2014 09:56
Daniele Picconi

Daniele Picconi, 32 anni, lavoro a Treviso come professore di religione, baccellerato ad Assisi, sposato con Valeria Bernardi, amo credere che il mondo possa cambiare partendo dalla mia conversione.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?