banner header
Log in

Tifo per te

E’ un attimo, l’ho chiamato il più intenso, è una cara emozione che non va perduta perché adesso, io guardo e vivo il giorno che viene e  che parla della speranza.

Ho cercato di afferrare con le mani, poi con le braccia, le cose da portare ai cuori che si sono detti “poveri”, e poi questa frase è venuta all'improvviso:

“Tifo per te.”

Avrei voluto premere il letto e rialzare il sonno dagli occhi, di chi si è lasciato educare dall'apatia, avrei voluto scegliere una musica, una musica, ma mi sono chiesta se l’avrebbero ascoltata!

Ma lo stesso ho detto vado, perché l’Amore è con me, Amore voglio portare oltre a quel portone che si apre e si chiude, soltanto, perché manca il calore della fede.

E’ per questo che ho ripreso il passo senza aspettare cose, perché avevo voglia di camminare, camminare, per liberare il cuore che non voleva sapere di stare fermo, ma solo di essere nel mondo.

Ho guardato l’orizzonte e quello che ho visto, è stata quella preghiera vissuta come un tessuto in me, ho guardato il cielo e quel senso del cammino, si ripeteva in me come un canto nuovo.

Mi dicevo, mi dicevo, che non era possibile innamorarsi così tanto, mi dicevo che se avessi visto per strada un bambino, avrei sentito sicuramente le mie braccia in attesa di stringerlo a me, a me. Non so se è l’età, ma il senso materno non mi abbandona e adesso so, so soltanto sentire un piccolo angolo di una stanza del cuore, dove possono entrare voci, e non so se mi sentiranno i rami di quest’albero, ma io provo questo!

Ed è bello ascoltare più volte questa frase, “io tifo per te”, come un augurio per ogni creatura che sente di non farcela, per dare forza a quelle braccia stanche, per vivere una giornata dove tutti si danno una mano.

E ora vado verso la quiete della sera con il sapore della Parola nello sguardo e nel cuore, ed è mia abitudine dire, che in questo viaggio non ho trascurato il secondo, l’attimo in cui quel Tutto, è tutto in me.

Si sono fermate le pagine della vita, sopra una stagione che vuole essere rinnovata, e adesso, adesso inizia una lunga corsa, che sarà soltanto un’immagine di giovani e adulti che portano nel mondo una Parola, ed io chiudo gli occhi e vivo questo sorriso, in silenzio, in silenzio!

 --------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilMartedì, 17 Dicembre 2013 11:58
Valentina Guiducci

Riguardo alla mia amata scrittura, fin da bambina mi accompagna il desiderio di poter dare attraverso delle parole una cara speranza.
Ho scritto tanti libri, pubblicati cinque, l'ultimo s'intitola: "Le Carezze dell'Amore" Zona Editore. Scrivo riflessioni anche su "Testata d'Angolo", un web giornale. Ho piacere di poter dare la gioia che sento nel cuore attraverso delle righe.

Articoli correlati (da tag)




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?