banner header
Log in

Tommaso. E quel Cristo che suona sempre due volte

II DOMENICA DI PASQUA o della Divina Misericordia (ANNO A)

Giovanni 20,19-31

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.

Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».

Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

Alla vista degli sbirri quella sera se la diede a gambe levate, nonostante quella promessa – che oggi odora di mercanti e di mercanzie – d'essere capace e disposto a fare chissà cosa per il suo Maestro. I giorni in cui promise erano i giorni del gaudio e del giubilo, dei miracoli e del sollazzo; i giorni della verità furono quelli che per lui seppero di vergogna, di Golgota e sconfitta, di delusione e frustrazione. Chi avrebbe mai osato pensare e pesare una fine così ignominiosa per quel Rabbì così tanto acclamato e conclamato nei mille giorni della predicazione e della notorietà? Addossato di vergogna: così me l'immagino quel discepolo che diverrà proverbio, quell'anima stordita e confusa, quell'essere sentitosi così abbindolato d'apparire anni dopo come uno dei tanti dall'animo facile e dalle credenze superstiziose. Fu un uomo che sperava, amava, sognava, immaginava: l'uomo dei tempi declamati al tempo imperfetto, il tempo della delusione e dell'illusione, del fraintendimento e dello stordimento, della sciocchezza perduta e dei rimpianti fin sulla soglia di casa. Come Giuda, appena accanto a me: chissà in quale Dio sognava d'imbattersi quel discepolo dall'animo così delicato d'infastidirsi oltremisura per quella fine ignominiosa.

"Ma quelle quattro apparizioni, quelle quattro testimonianze, non erano bastate a levare tutti i dubbi in tutti. A parecchi quella resurrezione così pronta, così fuori dell'ordinario, che s'era compiuta di notte, in modo occulto e sospetto, pareva piuttosto un'allucinazione del dolore e del desiderio, che verità effettiva Chi diceva di averlo visto? Una donna lunatica che fu già in possesso dei demoni; un febbricitante che non pareva più lui da quando aveva rinnegato il Maestro; e due semplici che non erano neppure veri discepoli e che ora Gesù avrebbe preferito, chissà perchè, agli amici più stretti. Maria poteva essere illusa da un fantasma; Simone, per rifarsi dell'avvilimento, non aveva voluto essere da meno; quegli altri potevano essere impostori o, tutt'al più, visionari. Se Cristo fosse risorto davvero non si sarebbe fatto vedere da tutti, mentre stavano insieme? Perchè quelle preferenze? Perchè quell'apparizione a sessanta stadi da Gerusalemme?"(G. Papini, Vita di Cristo).

Non credette ai suoi occhi sulla Montagna del Teschio: figurarsi se poteva credere alle orecchie altrui dentro il Cenacolo dei Rifugiati. Credere “per sentito dire”: dalle donne, dai compagni d'un tempo, dalle confidenze della primavera passata. Sbugiardato dalla prima confidenza – quella fattagli da un Rabbì che strapazzava i cuori, quella così inaspettata d'essere oggi la più fastidiosa – mai più diede credito a confidenza alcuna. Figurarsi a quella inimmaginabile di quella sera, la sera della prima Pasqua: “Abbiamo visto il Messia!” Accidenti, che gli avessero detto tutto, ma non rimettere il dito nella ferita dell'amore. Eccolo il rimbrotto di Tommaso, senz'indugio e con l'amarezza nel cuore: “Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo”. Parte dagli occhi: se non vedrà, non crederà. Anche gli occhi però possono ingannare, e dunque c'aggiunge le mani: se non toccherà/metterà non potrà credere. La carne, stavolta dovrà toccare la carne per poter dire ch'è Lui: il lambirsi della carne, il toccarsi della pelle, il giacere nelle ferite. Eccola, allora, una voce giungere dalla soglia. Otto giorni dopo: stessa casa dell'altra volta, stessa combriccola dell'altra volta. Più Tommaso, stavolta. Chissà che settimana avrà passato: “Tornerà? S'arrabbierà per quest'incredulità ch'è soltanto mia? Sarà ancora la Luce di un tempo”. Tommaso, guarda: “Pace a voi (…) Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!”. Punto e a capo; con Tommaso stavolta.

E fu sconfitta piena: “Mio Signore e mio Dio”. Una disfatta al cui cospetto nessuna vittoria seppe reggere quella feroce bellezza: da quell'attimo Tommaso fu tutto di Lui. Per sempre, ad oltranza, senza nemmeno mettere quel dito che aveva anzitempo minacciato.Vittorioso d'animo ma pur sempre un gradino al di sotto di dove potrà stare il più recondito dei credenti: “Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!” E' l'ultima beatitudine del Vangelo, l'unica non pronunciata sul Monte assieme alle altre ma la più ardita e promettente: quella ch'è ad un passo dalla portata di tutti. Anzi: più il tempo s'allunga da quella prima Pasqua, più il credere sarà opera di anime pure e sfavillanti. Così luminose da metter da parte i sensi - quei cinque sensi che tanto somigliano a dei portinai diffidenti – e credere alla gioia. Di capitolare nell'avvenenza della gioia. Perchè non si crede solo per troppo astio o rancore, capita che taluni non credano per la troppa gioia: l'ultima sfida di Lucifero è d'ingannare circa la possibilità della gioia. Forse per questo Cristo ritorna: per zittire un Demonio il cui unico cruccio fu quello d'insegnare a sospettare sulla bontà di Dio. Il Demonio ha paura della gioia, Cristo la raddoppia. Tanto per non smentirsi.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (http://www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilSabato, 26 Aprile 2014 21:52
  • Citazione: Gv 20,19-31
Don Marco Pozza

Creativo e poliedrico, don Marco Pozza nasce il 21 dicembre 1979 a Calvene (VI) e diventa sacerdote il 6 giugno 2004. Dopo aver dedicato i primi tre anni del suo sacerdozio come vice-parroco in un quartiere alle porte di Padova, ha intrapreso gli studi per conseguire il Dottorato in Teologia Fondamentale presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma: dal 17 settembre 2011 è Cappellano della Casa di Reclusione di Padova (sez. penale).

Curioso interprete di un cristianesimo dell'innamoramento, esercita il suo sacerdozio nelle vesti inedite di scrittore, di giornalista (è editorialista di Avvenire) e di maratoneta. Ragione per cui – all'infuori delle sbarre del carcere – è quasi impossibile non trovarlo in viaggio per conto di Lui. Pur consapevole che la strada che Dio gli sta tracciando sarà ben lungi dai Sacri Palazzi, ha scelto in anticipo quello che potrebbe essere l'incipit della sua prima enciclica: «Ho odiato ogni minuto di allenamento ma mi dicevo: non rinunciare. Soffri ora e vivi il resto della vita da campione» (Cassius Marcellus Clay).

Custode di una personalità dalla difficile interpretazione e gestione, tutto trova luce e ragione nel suo essere sacerdote innamorato della sfida che Dio ha posto sulle sue spalle.

http://www.sullastradadiemmaus.it/




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?