banner header
Log in

Un raggio nel buio (ottava storia)

raggio4

Cari amici,

questo nuovo percorso nasce dai bellissimi incontri che ho fatto durante il mio servizio in ospedale. Quando incontri la sofferenza il tuo cuore cambia, le lacrime scavano in profondità.. la vita acquista tonalità nuove e si impara ad accogliere le persone.

Durante questo prezioso servizio ho incontrato centinaia e centinaia di fratelli e sorelle che si sono trovati una croce sulle spalle e volenti o non volenti hanno dovuto percorrere delle vie crucis più o meno lunghe. Finché si è in salute e tutto va bene.. è facile avere fede! Nella croce, li esce la verità. Questo percorso si chiama: “un raggio nel buio” non perché la mia presenza tra i malati sia stata il raggio (forse a volte..) ma perché ho incontrato persone speciali che nel buio della sofferenza mi hanno fatto intravedere il raggio di Dio. Questo percorso vuole esaltare l’azione di Dio che è il Signore della vita e agisce ovunque.. anche tra i moribondi!! Racconterò semplicemente delle storie.. e spero che questo possa muovere il cuore verso Dio e affrontare la vostra croce in modo diverso!

La fede è un dono di Dio che viene talvolta rinforzato da episodi “speciali”. Vorrei condividere con voi una storia che mi ha segnato in positivo, uno squarcio di paradiso! Dunque cominciamo..

Un giorno stavo passando a trovare i malati e entrai in una stanza asettica, in penombra mi accolse con gentilezza il paziente che sdraiato sul lettino affrontava la sua croce. Claudio (nome inventato per privacy) fu molto gentile e mi invitò a stare del tempo con lui in camera. La penombra, il silenzio avevano creato un atmosfera speciale…la sua cordialità poi aveva dato a quell’incontro un inizio speciale. Claudio era uno psicologo del sud Italia ricoverato da diversi giorni e stava lottando contro la leucemia! Mi disse che tempo fa non era credente, anzi che era completamente ateo e che fondamentalmente è sempre stato molto razionale e che non aveva mai lasciato spazio al trascendente. Mi guardò e mi disse che poco tempo prima del nostro incontro era successo un episodio “speciale” che lo aveva portato a credere! Mi chiese se volevo ascoltarlo. Con gli occhi stupiti dissi felicemente di si. Claudio iniziò il suo racconto e io ero attento a non perdere nemmeno una parola!

Riporto le parole di Claudio come le ricordo:“ A causa della malattia mi sono trovato in uno stato di pre-morte (Near Death Experience) e incredibilmente ho visto la mia anima staccarsi e entrare in un tunnel!! Alla fine di questo tunnel mi sono ritrovato in un immenso prato verde!! I colori erano molto vividi e la cosa bellissima era la presenza di tantissime “persone” che ridevano e scherzavano tra di loro!! C’era una gioia incredibile!! Il posto era meraviglioso, difficilmente paragonabile alla terra. Notai che c’era un arco di luce e istintivamente andai in quella direzione. Giunto sotto l’arco di luce vidi un uomo avvicinarsi e lo riconobbi.. era Gesù!! Gesù mi sorrise e mi disse: “non è ancora arrivato il momento per te”. Mi fece una carezza e quando tolse la mano dalla mia guancia mi risvegliai in ospedale!!”.

Quando Claudio finì il suo racconto io ero in lacrime di gioia!! Portavo nel mio cuore le tante sofferenze, la morte di bambini innocenti, le lotte disperate contro malattie atroci.. Questo racconto mi diceva nel cuore: “Daniele continua a lottare! Continua a credere!”. Ringraziai di cuore Claudio e lo salutai. La sofferenza è dura.. ma sapere che dopo la vita continua ci da una nuova prospettiva. La morte non è l’ultima parola.

 

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Daniele Picconi

Daniele Picconi, 32 anni, lavoro a Treviso come professore di religione, baccellerato ad Assisi, sposato con Valeria Bernardi, amo credere che il mondo possa cambiare partendo dalla mia conversione.




Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?