banner header
Log in

Ut omnes unum sint

Dio è trino, ma anche uno: è diversità, ma anche unicità.

E questo si riflette in tutto il Creato ed in particolare nell’umanità, poiché nessuna creatura umana è identica ad un’altra; e non solo nell’aspetto fisico, bensì soprattutto nella propria dimensione spirituale. Eppure Gesù, poco prima di essere arrestato, nella sua preghiera al Padre chiede “che tutti siano una cosa sola”: ritrovarsi, cioè, tutti assieme - pur, appunto, nella loro diversità - e perfetti nel suo Corpo Mistico. E’ l’ideale cristiano, tramite il quale “l’amore, che hai per me sarà in loro e anch’io sarò in loro… Così nel mondo si potrà capire che li ami e che è per questo che tu mi hai mandato” (Gv 17, 23-26).

Quanto - infatti - c’è bisogno di poter comprendere, perlomeno in parte, l’inesauribile amore di Dio: quante divisioni, frantumazioni, alienazioni mentali nel mondo! Praticate dagli esseri umani, sì, ma pure subdolamente fomentate dai demoni (“Coloro che dividono” - significato etimologico) e sempre iniziando da un’individuale disgregazione interna provocata da trasgressioni alla divina Legge. Legge - spesso si dimentica - che ci fu data non per oppressiva imposizione, ma sempre ancora per amore: espressione di un  premuroso “guard-rail spirituale”, a garanzia di una maggiore sicurezza di permanenza nella “diritta via”.

Una via di norma stretta e di non facile percorribilità, ma che di certo conduce a “molti frutti buoni e duraturi”; oltre ad un’esistenza indubbiamente felice sia qui, persino nella sofferenza, e sia per il nostro eterno futuro. E, a tal fine, ci sono stati concessi pure i doni dello Spirito Santo e i Sacramenti. In particolare l’Eucarestia, per rimanere fin d’ora sempre in Lui; e la Confessione, per ritornare totalmente a Lui, qualora ce ne fossimo di poco o sia pur di molto allontanati.

A nostra consolazione - allora - ed anche a sprone di costante proseguimento nella “stretta via”, dobbiamo sempre tener ben presente che non siamo mai realmente soli in questa “valle di lacrime”. E, almeno di tanto in tanto, ricordarci pure di quanto affermò papa Wojtyla:

“La Rivelazione insegna che, nel suo cammino di conversione, il cristiano non si trova solo. In Cristo e per mezzo di Cristo la sua vita viene congiunta con misterioso legame alla vita di tutti gli altri cristiani nella soprannaturale unità del Corpo Mistico. Si instaura così tra i fedeli un meraviglioso scambio di beni spirituali, in forza del quale la santità dell’uno giova agli altri ben al di là del danno che il peccato dell’uno può causare nel loro complesso” (san Giovanni Paolo II, Incarnationis mysterium)

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilLunedì, 19 Gennaio 2015 11:38
Paolo Morandi

Sono un insegnante in pensione, articolista e saggista, residente nel Trentino. Negli ultimi anni mi sono occupato di problematiche, etiche e morali; in particolare nell'ambito della sessualità, oltre a tutto ciò che concerne il nostro quotidiano modus vivendi.

Sito web: www.paolomorandi.wordpress.com



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?