banner header
Log in

Sono presente, sono viva!

La mia vita è un canto... La mia vita è un canto...

Ecco cosa accade, quando la mattina, annuncia la tua entrata nel passo deciso, ecco cosa sono adesso, sono presente, sono viva.

Ma perché? Come mai dico questo ora?

E’ la mia vita, che si è resa un canto, è la mia vita, che può rispondere e può dare alla terra la cara germogliatura, ed è consapevolmente che adesso prendo un raggio di sole, e lo poso nella mia radice, e da questo calore, io prendo una sfumatura e mi appoggio nel mio atteso pensiero, per quelle care creature che hanno appena sfiorato il cielo, in una fede che anche adesso, parla nei cuori.

Sono presente, è come vivere l’aurora, sono presente ed è come attraversare un ponte da dove sei certa che dall’altra parte, c’è il tuo sorriso che non ha permesso alla tempesta, di essere cancellato.

Ed è come perdere pezzi della tua veste, perché ogni volta che cammini verso la Luce tutto si rinnova, tutto prende un’attitudine diversa, tutto si rende parte di questo respiro che si sente leggero, leggero.

Mi dico anche oggi, che nonostante la porta stretta, io sono arrivata a vivere la mia vita, perché soltanto nel premere quella maniglia ho potuto percepire il senso di me, mi dico, mi dico che ho ancora bisogno di gridare il mio suono, il mio suono.

Ho abitato nelle filature di erbe per un po’, lasciando che solo il cuore potesse essere la mia bussola, ho lasciato quelle scorie del piede affaticato fuori dal sentiero, avevo bisogno di guardare la via senza pesantezza.

Mi sono venute incontro delle parole un mattino, che non mi aspettavo, forse perché quando non metti la mente in movimento, si possono vivere momenti unici e così mi sono messa ad ascoltare, senza aver datato nel calendario il giorno, ma ero solo interessata all’ascolto, solo quello.

E poi quello che veniva a me, erano emozioni che non seguivano più il mio sguardo, perché oramai, erano dentro di me, e con questa sicurezza, io proseguivo la mia camminata nel mondo, senza interrompere il ritmo della gioia in me.

Ho conosciuto il mondo solo adesso, ho conosciuto il mondo senza sentirmi dentro una clessidra, ma solo accompagnata, solo scelta da chi sapeva che avrei avuto bisogno di questa via, per arricchire la mia anima. Non ho voltato lo sguardo, quando stanotte la mia vista si è lasciata catturare dalle stelle che, ancora una volta mi sorprendevano con la loro luce, ed io ancora lì, ancora lì a dire a quel loro brillare che ero presente, ero viva e questo loro lo sapevano, lo sapevano. Sono rimasta a fissarle, senza possedere negli occhi stanchezza, sono rimasta lì e quello che dentro avvertivo era che, tutto quello che avrei fatto all’alba era raggiungere i piccoli per condurli alla Gioia Vera, come una promessa, come una speranza.

Ultima modifica ilGiovedì, 26 Settembre 2013 13:19
Valentina Guiducci

Riguardo alla mia amata scrittura, fin da bambina mi accompagna il desiderio di poter dare attraverso delle parole una cara speranza.
Ho scritto tanti libri, pubblicati cinque, l'ultimo s'intitola: "Le Carezze dell'Amore" Zona Editore. Scrivo riflessioni anche su "Testata d'Angolo", un web giornale. Ho piacere di poter dare la gioia che sento nel cuore attraverso delle righe.

Altro in questa categoria: « Così sia L'Immenso Amore »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?