banner header
Log in

Ho incontrato te

Avevo appena iniziato a camminare, avevo appena appreso che avevo la vita in me e avevo sorriso, poi il cuore si è emozionato e d’un tratto una via, una ragione per una casa in attesa.

Sono rimasta nei piccoli passi, sono rimasta lì con la consapevolezza che tutto quello che avevo intorno, erano righe da ricompattare per un disegno che non avrei potuto stravolgere, modificare, ma solo accogliere.

Ed è stato proprio in quel momento che ho incontrato Te!

 La mia porta è sopravvissuta alla tua Luce, non c’è stato un attimo in cui non ho pensato, a cosa, cosa cercavi da me, cosa potevo offrire?

Silenzio…

Una pausa, uno sguardo nel vuoto,  poi di nuovo la bussola nella mano e una sola direzione segnava la lancetta, la fede.

Ho visto piante e fiori intorno a me e mi sono dedicata alla loro visione del mondo, ho visto che potevo distendermi sui prati e non immaginare altro che la mia anima, a contatto con il Creatore.

Sono stata a guardare le carezze del vento su tutto quello che io chiamavo vita, sono stata lì con l’entusiasmo di chi si sente libero, e poi ho deciso di mettere radici su delle righe, che ho sparso in un terreno, dove ho appoggiato il cuore, il cuore.

Amo, mi dico, amo mettermi nelle parole che si trasformano in abbracci, amo dedicare il cammino a quello che la mia linfa potrà lasciare e per questo proseguo il sentiero.

Vado avanti e le stagioni che vado a visualizzare, mi portano con le mani pronte, con le gocce di un sudore per questa salita che non lascia la mia esistenza, e tutto si dice che completi, renda maturi e più forti.

Ci sono stati momenti in cui ho avuto il desiderio di gettare via giornate grigie, mentre altre volte stavo solamente nella mia camera, in silenzio, per comprendere, solo per comprendere.

Ma cosa ottenevo, riuscivo a capire?

Ho aperto libri, ma non mi entravano dentro quelle parole, avevo uno schermo in me, dovevo cambiare, cambiare, e solo andando verso il sorgere del sole al mattino, ho capito che non ero altro che una creatura che stava compiendo il volere di Dio, e questo volere era posizionare il mio cuore verso l’Alto, ormai parte di me, e non potevo restare indifferente, perché avevo incontrato Te e la mia preghiera si diceva esaudita.

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

 

Valentina Guiducci

Riguardo alla mia amata scrittura, fin da bambina mi accompagna il desiderio di poter dare attraverso delle parole una cara speranza.
Ho scritto tanti libri, pubblicati cinque, l'ultimo s'intitola: "Le Carezze dell'Amore" Zona Editore. Scrivo riflessioni anche su "Testata d'Angolo", un web giornale. Ho piacere di poter dare la gioia che sento nel cuore attraverso delle righe.

Altro in questa categoria: « Ti tengo per mano Buon viaggio vita »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?