banner header
Log in

Non perderò

E’ una costellazione di luce nuova, una promessa fatta da bambina davanti a un cielo sereno, è un pensiero che ormai ha raggiunto il suo equilibrio trovando queste indicazioni di fede....

Non perderò, non perderò, non perderò…

Avrò cura dei doni, avrò cura della via che sto attraversando e se per un attimo venisse fuori dall'asfalto un fiore, io mi avvicinerei a raccoglierlo, senza perdere tempo, senza dire dopo, ma nell'istante io farei questo.

Ho avuto bisogno di riemergere dalle acque opprimenti della fatica, ho avuto la maggiore età e sono andata a sbattere come una finestra su un angolo di cielo, per ritrovare quel passo che mi aveva fatto vivere quella prima emozione.

Sono stata davanti al bivio della sopportazione, sono stata impassibile davanti a chi gridava: “Non farai niente, lascia perdere….”

Era la mia vita, la mia vita…

Che bussava alla porta del mondo, che premeva la maniglia, aspettando il suo turno!

E così si vivono le stagioni della vita, così si prendono le chiavi e in quella fessura mettiamo un pizzico di fortuna, guardiamo il cielo e poi ecco, ecco sia, sia quello che vuole il Signore….

Si allungano i momenti in cui la mente riflette, si mette a disposizione il semplice lato del cammino, si consulta il cuore e poi quel piede prosegue, prosegue.

La verità che andrai ad incontrare sarà quella di una Bibbia mai trascurata perché sarà sempre lei la tua bussola, sarà lei il binario, sarà lei la cara onda che ti bagnerà completamente.

Lo so che dimenticherai, sì ma cosa, quelle parole che ti hanno colpito il cuore in maniera dura, quelle persone che hanno detto sì, ma poi si sono volatilizzate via e così sei rimasta sola?

Posso dire che ho camminato e quelle lotte continue con i giorni che passavano mi restituivano la forza per andare avanti e così ho ritrovato il colore, ma quale colore?

Il colore della meraviglia, dello stupore, della nostalgia, della libertà, della fantasia e mi sono “persa” in tutto questo per un attimo, per poi ricominciare a sorridere, a sorridere.

Forse oggi, oggi c’è un abito che sta nella sedia, c’è e sembra guardarmi, forse una maternità, forse io dico uno scalino in più, una consapevolezza, e poi, poi adesso tu, sì tu, che hai viaggiato con me, dimmi, dimmi come sto?

Ed io ti risponderò: “Non perderò.”

Stai certa che prenderò anch'io i guantoni e darò un pugno a questa assenza d’amore, stai certa che verrò a trovarti e mi appoggerò nel davanzale sperando in un breve saluto e per dirti che camminiamo insieme…

Non smettere di crederci, non smettere di volermi bene, non smettere di prendere questo palmo e di fare ancora, ancora un po’ di passi con me perché la vita continua…

-----------

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilGiovedì, 15 Maggio 2014 15:41
Valentina Guiducci

Riguardo alla mia amata scrittura, fin da bambina mi accompagna il desiderio di poter dare attraverso delle parole una cara speranza.
Ho scritto tanti libri, pubblicati cinque, l'ultimo s'intitola: "Le Carezze dell'Amore" Zona Editore. Scrivo riflessioni anche su "Testata d'Angolo", un web giornale. Ho piacere di poter dare la gioia che sento nel cuore attraverso delle righe.

Altro in questa categoria: « Siamo luce Monete per strada »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?