banner header
Log in

Frozen - Il Regno di Ghiaccio

  • Scritto da 
frozen-locandina

TRAMA:

Nell'immaginario regno di Arendelle, situato su un fiordo, vivono due sorelle unite da un grande affetto. Un giorno, però, il magico potere di Elsa di comandare la neve e il ghiaccio per poco non uccide la più piccola Anna. Cresciuta nel dolore di quel ricordo, Elsa chiude le porte del palazzo e allontana da sé l'amata sorella per lunghi anni, fino al giorno della sua incoronazione a regina. Ma ancora una volta l'emozione prevale, scatena la magia e fa piombare il regno in un inverno senza fine. Sarà Anna, con l'aiuto del nuovo amico Kristoff e della sua renna Sven, a mettersi alla ricerca di Elsa, fuggita lontano da tutti, per chiederle di tornare e portare l'atteso disgelo

RECENSIONE:

La casa Disney è nota per i suoi film di Natale a cartoni animati e anche questa volta ha creato qualcosa di artisticamente perfetto.
La scena e i personaggi sono uno sfavillio di luce e colore, sia nelle scene tra i ghiacci e la neve, sia nelle scene prima e dopo l'inverno perenne, quando in Arendelle regna l'estate più calda e soleggiata del mondo. Il tutto arricchito dalla tecnologia 3D.Molto ben riscritti i testi italiani dei dialoghi e delle canzoni, le musiche di Christophe Beck e le canzoni di Robert Lopez e Kristen Anderson Lopez sono un po' più ritmate di quelle di altri classici Disney, ma sempre molto coinvolgenti.

Quanto le alle voci italiane, particolare plauso va ad una appassionata Serena Rossi (Anna), ad una "regale" Serena Autieri (Elsa) e ad uno spassosissimo Enrico Brignano (Olaf), ma anche tutti gli altri doppiatori, tra cui Giuseppe Russo (Hans), Paolo De Santis (Kristoff), Christian Iansante (Duca di Weselton) e Massimo Lopez (Granpapà), sono stati delle scelte molto azzeccate.

Tuttavia non succede sempre che, oltre che divertire ed essere una delizia per gli occhi e per le orecchie, questi cartoons (Disney e non solo) siano anche densi di significato. "Frozen - Il Regno di Ghiaccio" invece punta tutto su una parola molta significativa, una parola molte volte priva di senso anche in qualche famiglia: la Fratellanza, anzi la Sorellanza in questo caso e per capirlo meglio vorrei approfondire la storia…

frozen-image1Sebbene fosse annunciata come liberamente ispirata alla Regina delle Nevi di Hans Christian Andersen, in realtà da questa favola abbiamo soltanto la caratteristica di una delle due protagoniste di avere il potere di dominare (non troppo bene) e creare neve e ghiaccio e il fatto che Elsa colpisce a un certo punto il cuore di sua sorella con il suo potere.

Elsa e Anna sono per l'appunto due principesse sorelle molto legate, ma tenute lontane dai loro genitori per paura che Elsa, la più grande che misteriosamente possiede dalla nascita questo potere di ghiacciare e far nevicare, possa mettere a repentaglio la vita di Anna, dopo che già stava per succedere e dopo che il Granpapà dei Troll (tipo Grande Puffo) guarisce Anna, facendole però dimenticare il potere di Elsa. Il re e la regina fanno anche in modo di convincere Elsa a rimanere chiusa nella sua stanza e chiudono il loro castello a tutti per paura che il segreto della figlia maggiore venga scoperto. Elsa infatti non riesce a controllare il suo potere quando è agitata o in ansia.
Ma Elsa e Anna non dimenticano il loro legame, tant'è che all'incoronazione di Elsa, tre anni dopo la morte dei genitori, tra le due non sembra quasi essere passato tanto tempo stando lontane. Anzi forse è stato proprio quello l’origine di tutti i problemi: tenerle lontane e tenere Elsa lontana dal mondo facendole credere che fosse meglio così. Comunque non precorriamo i tempi…
Elsa, come comprensibile dopo tanti anni di isolamento, prova una certa ansia nel vedere tanta gente li per lei che diventa ufficialmente regina, ma riesce a trattenere il suo potere quasi del tutto.
Fino a che Anna non arriva a un certo punto del ricevimento con l'appena conosciuto Principe Hans, chiedendo a sua sorella la sua benedizione per sposarlo. Come comprensibile Elsa, nega il suo assenso ad una decisione così avventata di Anna, ma Anna insiste e litiga con la sorella, facendola infuriare. Elsa allora perde il controllo di se e di conseguenza del suo potere, che viene rivelato a tutto il regno.

frozen-image2Additata come strega, Elsa scappa, rifugiandosi sulla montagna più alta del regno, dove si costruisce una fortezza di ghiaccio che sembra cristallo e dando vita al pupazzo di neve Olaf, ignara di aver innescato nel ragno una reazione a catena che ha creato un inverno perenne.

Anna però non si arrende ad aver perso di nuovo la sorella appena ritrovata e, lasciato il regno al governo di Hans (che non è quel che sembra), parte alla ricerca di Elsa e incontra sul cammino Kristoff, un giovane venditore di ghiaccio, che ormai ha poco da lavorare perché il ghiaccio è ovunque, con la sua renna Sven, che si comporta come un cagnolino fedele. Insieme poi incontreranno anche Olaf, questo pupazzo di neve un po' svitato, che sogna un posto al sole e al caldo, apparentemente ignaro di cosa voglia dire il sole per la neve. Anna con i suoi compagni ritrova Elsa alla fortezza di ghiaccio e tenta di convincerla a tornare, ma Elsa, sia perché ha paura di nuocere ulteriormente, sia perché non sa come rimettere tutto a posto, scaccia via in malo modo sua sorella, colpendola accidentalmente al cuore col suo potere.

Anna allora va via, ma scopre da Granpapà, che tra l'altro ha cresciuto Kristoff insieme ai Troll, che il colpo di Elsa al suo cuore la ghiaccerà progressivamente fino a congelarla del tutto, a meno che lei non venga baciata dal suo vero amore. Kristoff porta allora Anna da Hans, ma Hans si rivela essere solo un impostore opportunista…
Dopo qualche altra peripezia sarà l'amore di Elsa verso sua sorella, che è rimasto sempre puro e incondizionato come quando erano bambine, a salvare Anna e la giovane regina scoprirà proprio in questo amore la chiave per controllare a pieno il suo potere, salvare il regno e permettere anche al simpatico Olaf di vivere al sole pur essendo fatto di neve.

In questa storia dunque a salvare il regno e la principessa non troviamo l'amore di un principe, che spesso nasce li all'improvviso ma non si sa quasi mai come, perché e come si evolverà. Per questa volta, forse unica all'interno dei cartoons Disney, almeno di quelli che raccontano una favola, a salvare tutto troviamo un amore fraterno, un legame che viene rappresentato in modo più concreto, che mostra il suo fondamento fin dall'inizio della storia e che supera tutto. Ha superato la separazione tra le due sorelle, che ha creato tanti problemi, ma che ha permesso anche ad Anna e Kristoff di conoscersi e alla fine innamorarsi. Ha superato viaggi tra i pericoli, delusioni, l'autoisolamento di Elsa, farabutti usurpatori, ma nulla ha mai potuto sconfiggere o anche solo scalfire questo sentimento speciale, soprattutto in Anna che lo ha mantenuto vivo anche quando ad Elsa sembrava impossibile poter tornare a stare insieme.

Ricordo che Serena Autieri, in un intervista, ha affermato che ha insistito per andare a vedere l'anteprima del film con sua sorella e io dico proprio che questo è un film sì per famiglie come gli altri Classici Disney, ma soprattutto per fratelli e sorelle sia di nascita che per scelta.
Qualsiasi altro commento è superfluo, bisogna vederlo per capire e forse anche a voi verrà da applaudire come alla platea del cinema dove l'ho visto io, una reazione ormai sempre più rara per un film anche non cartoon.

trailer button

Personaggi e interpreti

Anna:  Kristen Bell ..................... Serena Rossi
Elsa: Idina Menzel ..................... Serena Autieri
Kristof: Jonathan Groff ..................... Paolo De Santis
Olaf: Josh Gad ..................... Enrico Brignano
Hans: Santino Fontana ..................... Giuseppe Russo
Duca di Weselton: Alan Tudyk ..................... Christian Iansante
Granpapà: Ciarán Hinds  ..................... Massimo Lopez


Un film di: Chris Buck, Jennifer Lee [II]
Con: Con Kristen Bell (Anna), Idina Menzel (Elsa), Jonathan Groff (Kristoff), Josh Gad (Olaf), Santino Fontana (Hans), Alan Tudyk (Duca di Weselton), Ciarán Hinds (Granpapà)
Titolo Originale: Frozen
Genere: Fantastico/Animazione (USA 2013 - Walt Disney) 

-----

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilSabato, 20 Giugno 2015 00:29
Altro in questa categoria: « Francesco A Christmas Carol »



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?