banner header
Log in

Un sogno per domani

  • Scritto da 
un-sogno-per-domani-locandina

TRAMA:

Trevor è un ragazzo di undici anni che vive con una madre che lavora dalla mattina alla sera per sbarcare il lunario. Trevor è solo ed introverso ma, nonostante la sua giovane età, è più maturo della madre ed è infatti lui a prendersi cura di lei. Eugene Simonet, il suo insegnante di scienze sociali, gli insegna ad avere speranza. In effetti Eugene all'inizio di ogni anno assegna lo stesso compito: trovare un modo per cambiare il mondo e metterlo in pratica. Il primo passo che Trevor fa per mettere in pratica il suo "sogno per domani" è quello di far mettere insieme sua madre e Eugene.

RECENSIONE:

Il film non presenta in se un grande sforzo tecnico in quanto è incentrato sulla storia tratta dal romanzo di Catherine Ryan Hyde "La Formula del Cuore", quindi è un film che punta di più sulle emozioni che sui "virtuosismi" scenici e, sotto la regia di Mimi Leder, ci riesce alla grande.... La scelta come protagonista dell'allora giovanissimo Haley Joel Osment, dopo la strabiliante performance ne "Il Sesto Senso" e prima ancora in "Bogus - L'Amico Immaginario", all'epoca era l'unica da fare: solo lui avrebbe saputo imprimere al personaggio di Trevor un peso da personaggio adulto, pure trattandosi di un undicenne, oltre che fare da traino, visto che all'epoca il piccolo Osment era considerato una vera e propria star. Quanto agli altri attori, tutto il cast è stato ben scelto, tranne forse Jon Bon Jovi che, nel suo abbastanza breve cameo nel ruolo del padre di Trevor, non brilla molto come attore: molto meglio come cantante musicista. Ma è nello sconfinato altruismo del personaggio di Trevor, e nel modo in cui Osment lo concretizza, che il film trae la sua vera forza.

un-sogno-per-domani-1

« Questo sono io, e queste sono tre persone, a cui darò il mio aiuto, ma deve essere qualcosa di importante, una cosa che non possono fare da sole, perciò io la faccio per loro... e loro la fanno per altre tre persone... »

Con queste semplici parole, l'undicenne Trevor spiega alla sua classe, disegnandolo alla lavagna, il suo progetto in risposta ad una domanda del professor Eugine Simonet, insegnante di scienze sociali. La domanda è: "Cosa vuole il mondo da noi?". Trevor allora con la sua fervida e sognatrice immaginazione si inventa una specie di gioco, "Passa il Favore", che se fosse più di un parto della mente di un ragazzino, aiuterebbe molta gente sola e in difficoltà. Il meccanismo è semplice... Io aiuto 3 persone in qualcosa di importante che da sole non riescono a fare, senza pretendere nulla in cambio, e ognuno di loro, a sua volta, fa lo stesso con altre tre, innescando una ramificazione continua di favori... "Bello!" direbbero tutti, "Bravo ragazzino! Ti meriti un 10 per come hai svolto il compito".

Un ragazzino normale si accontentato del 10 e avrebbe chiuso lì l'idea di "Passa il favore". Ma Trevor è un ragazzino speciale e passa lui per primo dalle parole ai fatti. "Che bambino splendido questo Trevor...", "Come è stato cresciuto bene dai sui genitori...", "Chissà che persone straordinarie sono la sua mamma e il suo papà...?", verrebbe da dire, se non fosse per il fatto che la sua è tutt'altro che una famiglia modello, un ragazzino che ha avuto poco dal mondo, ma che il mondo non è riuscito, nonostante tutto, a scalfire nell'animo.


un-sogno-per-domani-2

Ci metterà tutta l'anima Trevor, e alla fine non solo quella, forse perché capisce molto bene, che chi non riceve mai niente si sentirà sempre tentato di non dare niente o di credere di non aver niente da dare. Cambierà la vita di coloro a cui darà i suoi favori in dono, che a loro volta cambieranno la vita di altri, che di ritorno cambieranno anche la vita di chi l'ha cambiata a loro, fino a tornare a Trevor stesso, come nel riavvicinamento della madre di sua madre alla figlia e quindi a lui, o nel trovare nel professor Simonet un nuovo papà, un vero papà, ma che prima di esserlo si farà cambiare anche lui la vita da questo ragazzino straordinario, che sembrava uno dei tanti nella sua scuola ma che invece non lo era.

Sono tanti i significati di questo film, che ogni volta nel rivederlo ne puoi scoprire sempre qualcuno. Puoi scoprire che il passato o la famiglia da cui provieni non è una giustificazione per non dare un pieno senso alla tua vita. Puoi scoprire che con i "Ci penserà qualcun altro" poi rischi che non ci penserà mai nessuno, quindi devi essere tu per primo a metterci tutto te stesso in quello che pensi sia giusto fare, nella tua vita, ma soprattutto in quella del tuo prossimo. Puoi scoprire che se credi veramente in ciò che fai, puoi ricevere la spinta per portare lontano i riflessi del tuo operato. Puoi scoprire che se scegli una strada per il bene, la devi seguire fino in fondo, accettando tutti i dolori e non solo le gioie che incontrerai, se no non arriverai mai ad una meta.

Puoi scoprire che dentro ogni persona può esserci un piccolo Trevor! 


trailer button

Personaggi e interpreti

Eugene Simonet:  Kevin Spacey Mr. Thorsen Gary Werntz
Arlene Mckinney: Helen Hunt La donna sul ponte Colleen Flynn
Trevor Mckinney: Haley Joel Osment Adam Marc Donato
Chris Chandler: Jay Mohr Bonnie Liza Snyder
Grace: Angie Dickinson L'infermiera Jeanetta Arnette
Jerry: James Caviezel La figlia di Thorsen Hannah Werntz
Ricky: Jon Bon Jovi  
Sidney Parker: David Ramsey    


Un film di: Mimi Leder
Con: Kevin Spacey, Helen Hunt, Haley Joel Osment, Jay Mohr, Angie Dickinson, James Caviezel, Jon Bon Jovi, David Ramsey, Gary Werntz, Colleen Flynn, Marc Donato, Kathleen Wilhoite, Liza Snyder, Jeanetta Arnette, Hannah Werntz
Titolo Originale: Pay it Forward 
Genere: Commedia  - USA 2000

-----

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo – elettronico, meccanico, reprografico, digitale – se non nei termini previsti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni. E’ consentito riprodurre l’opera a condizione che sia integrale (o in parte) e che sia citato l’autore e la fonte (www.buonanovella.info) a cappello dell'articolo citato.

Ultima modifica ilSabato, 20 Giugno 2015 00:29



Per poter lasciare un commento devi prima fare il login oppure effettuare la registrazione

17°C

Roma

Bel tempo

Umidità: 63%

Vento: 9.66 km/h

  • 11 Apr 2016 20°C 13°C
  • 12 Apr 2016 23°C 16°C
I segni dei tempi li sappiamo riconoscere?